NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Fatih Birol: "Critico il prossimo decennio se non si cambia strada" Stampa E-mail
IL PARERE DEL COORDINATORE WEO 2007 SU COME CONCILIARE SICUREZZA DI APPROVVIGIONAMENTI E TUTELA AMBIENTALE
di Roberto Vigotti, Chair Gruppo Rinnovabili IEA

Fatih BirolIl World Energy Outlook – WEO – presentato alla fine del 2007 mostra come le enormi sfide energetiche che dovranno affrontare Cina e India sono in realtà sfide globali e che richiedono, per questo,una risposta globale. Il WEO prova ad indicare la strada verso un futuro energetico più sicuro,competitivo, a basso contenuto di carbonio; e questa strada dovrà necessariamente coinvolgere i due giganti emergenti, dato che non potremo ignorare le implicazioni del loro sviluppo sul resto del mondo.
“Le nostre analisi – sottolinea Fatih Birol, chief economist dell’Agenzia Internazionale dell’Energia e coordinatore del WEO – mostrano in modo sempre più chiaro che se i governi non cambieranno le loro politiche energetiche, le importazioni di petrolio e di gas, l’uso del carbone e le emissioni di gas serra cresceranno in modo inesorabile fino (e anche oltre) il 2030, mettendo a rischio la sicurezza energetica globale e accelerando in modo insostenibile il cambiamento climatico. Lo sviluppo economico crescente di Cina e India è una aspirazione legittima per lo sviluppo di oltre 2 miliardi di persone, ma richiederà ovviamente un uso crescente di energia, in maggioranza fossile, peggiorando il bilancio del carbonio e di altri gas serra; questo problema richiede la collaborazione del resto del mondo, a partire dai Paesi industrializzati”.

È disponibile la sintesi in italiano del World Energy Outlook (formato pdf, 1,1 M).

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02.3659.7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo


 

 
© 2005 – 2019 www.nuova-energia.com