NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Clean development mechanism: due passi avanti, uno indietro Stampa E-mail

di Alex Stillavato e Giorgio Vicini, Fondazione Eni Enrico Mattei

L'immagine peculiare di un commercio globale dei permessi di emissione dei gas serra - commercio, che tra le altre cose, serve ad esportare nei Paesi più poveri soldi, tecnologia a basso impatto ambientale e, non da ultimo, sviluppo sostenibile - ha costituito uno dei punti cardine delle negoziazioni che hanno dato vita al Protocollo di Kyoto nel 1997.
Più precisamente, il mezzo attraverso il quale i Paesi in via di sviluppo possono ottenere i benefici citati, è conosciuto con il nome di Clean Development Mechanism (CDM), strumento flessibile previsto dall'articolo 12 del Protocollo. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Potete ricevere una copia della rivista contattando l'ufficio abbonamenti:
telefono: 02 3659 7125 e-mail: Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo
 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com