NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Questo sistema va sistemato mettendo fine ai rinvii e alle discussioni senza fine Stampa E-mail

di G.B. Zorzoli

Il contenzioso sul gas fra Russia e Ucraina ha obbligato tutti a ricordare che il sistema enegetico del nostro Paese non ha solo il pur impellente problema di una maggiore competitività; spesso trascurato. Ma esiste anche uno specifico rischio sicurezza per l'approvigionamento di gas naturale. i dati nudi e crudi ci dicono infatti che il gas contribuisce ormai per un po' più di un terzo al nostro fabbisogno energetico e per un po' più del 50 per cento alla produzione termoelettrica; a conferma del fatto che a trentadue anni dalla prima crisi petrolifera e dopo un cospicuo numero di piani energetici nazionali, due conferenze nazionali sull'energia, molteplici provvedimenti, indagini e dibattiti parlamentari, ci siamo limitati a passare da un'anomala dipendenza dagli idrocarburi dovuta al 75,3% per cento della domanda soddisfatta dal petrolio e al 10,2 dal gas (dati 1973) a un'altrettanto anomala dipedenza, dove il 44,7 per cento il petrolio pesa molto meno, ma con il 33,8 per cento il gas conta molto di più (dati 2004). Nel bene e nel male la politica energetica italiana l'ha quindi sostanzialmente fatta solo l'Eni.

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02.3659.7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com