NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Cina, il dragone dell'economia pronto a fare il salto della rana Stampa E-mail

Ugo Farinelli

Cent’anni fa l’energia era un fatto locale. I Paesi che avevano riserve di carbone le usavano e si industrializzavano; gli altri dovevano accontentarsi della legna e dei residui agricoli. Lo stesso avvenne con l’elettricità, dipendente ai suoi inizi soprattutto dalla disponibilità di salti d’acqua per gli impianti idroelettrici. Con il petrolio - facile da trasportare e da distribuire - le cose cambiarono e incominciò un’era in cui le materie prime energetiche viaggiavano per il mondo e lo sviluppo È in questa ottica che dovremmo occuparci, e preoccuparci, di più di quello che succede altrove, e specialmente nei Paesi che stanno emergendo dal sottosviluppo e che passano, beati loro, per un periodo di crescita rapida, come la Cina, l’India, l’Indonesia, il Brasile e il Sudafrica. In sintesi, il prezzo che pagheremo [...]


L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com