COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Gli indici IPEX del II trimestre 2021 Stampa E-mail

Gli indici IPEX del II trimestre 2021

a cura di Energy Advisors


È PRESTO PER SVOLGERE ANALISI SETTORIALI, CHE RICHIEDONO DATI DISPONIBILI SOLO TRA ALCUNI MESI. LE INDICAZIONI DI CUI DISPONIAMO OGGI CI DICONO CHE È STATO IL SETTORE MANIFATTURIERO, E IN SPECIE QUELLO MAGGIORMENTE ORIENTATO ALLE ESPORTAZIONI, A TRAINARE LA RISALITA DEI CONSUMI

Due gli elementi caratterizzanti il secondo trimestre del 2021. Il primo è abbastanza scontato e fisiologico ed è rappresentato dalla ripresa della domanda con l’uscita dal lockdown e il ritorno in esercizio di quasi tutte le usuali attività economiche. I consumi globali salgono così del 14,32 per cento sul corrispondente periodo del 2020, dopo la più debole risalita del I trimestre, limitata a un 2,18 per cento, sicché il semestre si chiude con un incoraggiante incremento della domanda del 7,84 per cento.

Per quanto sia presto per svolgere analisi settoriali, che richiedono dati selezionati che saranno disponibili solo tra alcuni mesi, le indicazioni di cui disponiamo incrociando i diversi dati congiunturali, ci dicono che è stato il settore manifatturiero e in specie quello maggiormente orientato alle esportazioni a trainare la risalita dei consumi. Da tener presente comunque, a scanso di troppo facili entusiasmi, che stiamo appena avvicinandoci ai livelli ante pandemia. Al 30 giugno i consumi erano ancora inferiori dell'1,6 per cento a quelli del 2019, che già non erano esaltanti.

C’è al riguardo un equivoco che va ben al di là del settore elettrico e che deve essere assolutamente chiarito. È infatti convinzione diffusa, da cui segue anche il posizionamento delle forze politiche, che l’obiettivo da assumere sia quello di tornare il più rapidamente possibile allo stato del 2019. Si dimentica però che il percorso in cui era inscritta l’economia italiana nel 2019, come dimostrato anche dalla curva dei consumi elettrici, era declinante, dalla stagnazione alla recessione. Allora l’obiettivo oggi non può essere il ritorno al 2019, ma entrare per così dire in un’orbita diversa, collocandosi in una traiettoria di crescita decisamente più sostenuta. [...]

PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO ABBONATI ALLA RIVISTA

© nuova-energia | RIPRODUZIONE RISERVATA

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com