COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Finanza sostenibile, l'Europa s'è desta. E l'Italia? Stampa E-mail

Finanza sostenibile, l’Europa s’è desta.
E l’Italia?

di Agostino Re Rebaudengo / Presidente Elettricità Futura


CON LA STRATEGY FOR FINANCING THE TRANSITION TO A SUSTAINABLE ECONOMY LA COMMISSIONE STA DEFINENDO DELLE SCORECARD PER INDIRIZZARE LE ENERGIE DELLA FINANZA VERSO IL GREEN DEAL. GLI INVESTITORI DISPORRANNO DI INFORMATIVE PIÙ TRASPARENTI SULLE PERFORMANCE AMBIENTALI DI BENI E ATTIVITÀ

Un luglio caldissimo, non solo per la temperatura ma anche per la finanza sostenibile. Al G20 Finance di Venezia sin dalle prime battute è stato chiaro che la finanza climatica avrebbe impegnato non poco i ministri delle Finanze e i governatori delle Banche Centrali. Carbon Tax, ora o mai più. Le parole di Paolo Gentiloni al G20 ben riassumono la forte spinta dell’Europa per una tassazione green, a pochi giorni dalla pubblicazione della sua nuova Sustainable Finance Strategy e alla presentazione del suo pacchetto Fit for 55, due tasselli fondamentali che hanno dato ordine, forma e sostanza alla strategia europea di decarbonizzazione.

A dicembre 2019 il Green Deal ha fissato la roadmap che porterà l’Europa a essere il primo continente carbon neutral al 2050, passando per una riduzione del 55 per cento delle emissioni di CO2 al 2030. A settembre 2020, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato di voler destinare il 37 per cento dei 750 miliardi di euro del Next Generation EU alla realizzazione del Green Deal, dando una chiara indicazione agli Stati membri: la ripresa dell’economia post Covid dovrà essere una Green Recovery. Lo scorso 28 giugno l’Europa ha approvato la Legge sul Clima e il target -55 per cento di CO2 al 2030 è diventato vincolante per l’Unione europea.

Con la nuova Strategy for financing the transition to a sustainable economy la Commissione sta definendo delle scorecard per indirizzare le energie della finanza verso il Green Deal, convogliando gli investimenti in settori e tecnologie sostenibili. Vengono definiti chiari standard per la finanza, in base al lavoro avviato il 12 luglio 2020 con la Taxonomy Regulation. La tassonomia europea è la classificazione delle attività finanziare sostenibili “scremate” in base ai vantaggi che creano per clima e ambiente. Rispetto ad un anno fa, l’Europa ha dotato la finanza di strumenti operativi per aumentare il contributo al Green Deal. In primis, la nuova strategia di finanza sostenibile individua...
[...]

PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO ABBONATI ALLA RIVISTA

© nuova-energia | RIPRODUZIONE RISERVATA

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com