COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Il mercato retail dei fagioli in scatola Stampa E-mail

Il mercato retail
dei fagioli in scatola

di Gianguido Piani


I PLAYER DELL’ELETTRICITÀ PUNTAVANO A TRASFORMARE IL SERVIZIO IN COMMODITY, BENE DI LARGO CONSUMO. NELLA REALTÀ, LA LORO AZIONE COMPLICA – E DI PARECCHIO – LA SCELTA DEGLI UTENTI. LA CONCORRENZA NON SI GIOCA SU PRODOTTO O SERVIZIO, MA SUL MARKETING

Supermercato. Lista della spesa. Fagioli in scatola. Borlotti. Il prodotto è standard da tempo immemorabile, conosciuto, difficile sbagliarsi. Difficile? Confron- tiamo i prezzi. Intanto occorre distinguere tra “normali” e “bio”, più cari, fin qui nulla di strano. La prima marca offre 328 grammi sgocciolati a 0,001693 euro per kcal più 0,00291 euro a fagiolo (sul numero contato), l’addizionale fibra a 0,0078 euro/ grammo. Secondo la dichiarazione nutrizionale sul barattolo sono 6 grammi su 100, quindi per 328 fa poco più di 15 centesimi per questo barattolo, solo per la fibra. Considerato che devo impegnarmi a non cambiare marca per almeno dodici mesi e pasta e fagioli sono buoni oltre che un’ottima fonte complessa di proteine, sugli acquisti di un anno anche i 15 cent hanno il loro peso. Ma è solo l’inizio.

Sul barattolo sono indicati gli oneri finanziari della zona di produzione, 0,0139 euro/ettaro (ricordarsi di chiedere al produttore dove sono stati coltivati e verificare l’estensione del campo su Google Maps), il diritto di trattoraggio (cosa vorrà dire, poi?) che per la fascia F1 corrisponde a 2,52 cent, gli oneri ASOS e ARIM in quota energia (da etichetta, 92 kcal), una dozzina di altre voci. Quello che incide maggiormente è però il barattolo che non viene chiamato tale ma MSEFP (Metallic Safety Enclosure for Food Produces) con l’opzione FAPUO (Finger-Activated Pull-Up Opening) oppure KHT (Kitchen Hand Tool). Per fortuna ho con me il laptop con la tabella di calcolo già pronta, inserisco i dati, fanno 85,42324 cent per questa confezione. Sullo scaffale ci sono una mezza dozzina di marche e prima del 2023 bisognerà averle confrontarle tutte.

Per farla breve, sono entrato in negozio all’apertura e nel tardo pomeriggio ero ancora lì occupato con calcoli e confronti. Causa distanza di sicurezza e limiti all’accesso nel punto vendita, in 15-20 clienti abbiamo parzialmente bloccato l’attività commerciale. Ma almeno questa sera pasta e fagioli ci sono. Domani riparto con le zucchine. Chiunque abbia preso sul serio i confronti tra offerte di forniture di elettricità sul “mercato libero” e abbia provato a fare qualche calcolo confrontandole con le voci in bolletta capisce benissimo a cosa mi riferisco.
[...]

PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO ABBONATI ALLA RIVISTA

© nuova-energia | RIPRODUZIONE RISERVATA

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com