NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
AHIMÉ, qualcuno non conosce la sottile differenza tra il risparmio e l'efficienza Stampa E-mail
di Federico Santi

Incomprensibile. Vago per le vie della mia piccola città (Santa Marinella, sul bel litorale laziale a Nord di Roma). È la festa del patrono, San Giuseppe, il primo padre adottivo della storia cristiana, mi fa giustamente notare un caro amico che sta a sua volta adottando bimbi in Africa. Assorto in pia contemplazione dei sacri manifesti elettorali, mi salta agli occhi un avviso incredibile, del Sindaco in persona. Ipse invita la cittadinanza a risparmiare energia, senza addurre motivazioni plausibili, direbbe Elio (“Cara ti amo”, Elio e le storie tese, Elio Samaga Hu-kapan Kariyana Turu, Milano 1989). Motivazioni che noi lettori di Nuova Energia ben conosciamo. Ma davanti all’originale appello del Sindaco mi stropiccio gli occhi e le orecchie, neanche fossi il premier. Non solo per la stranezza dell’avviso, ma anche perché il primo cittadino scende, ahimé, nel tecnico.
Ecco come, according to him,dovremmo risparmiare energia: [...]


L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com