NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Lo sfruttamento del moto ondoso è pronto a spiegare le vele Stampa E-mail

Lo sfruttamento del moto ondoso
è pronto a spiegare le vele

di MAXIMO AURELIO PEVIANI / RSE


Energia dal mare, prossima frontiera. Nel portafoglio delle rinnovabili, oggettivamente, la generazione da moto ondoso resta una opzione ancora tutta da sviluppare.

Le dimensioni potenziali del business legato allo sfruttamento dell’energia oceanica sono enormi. Solo in Europa, l’industria energetica oceanica prevede di distribuire 100 GW di capacità produttiva entro il 2050, raggiungendo il 10 per cento della domanda di elettricità.
Questo è sufficiente per soddisfare il fabbisogno giornaliero di elettricità di 76 milioni di famiglie. Distribuire 100 GW di energia significherà anche creare un nuovo settore industriale in Europa, con oltre 400.000 posti di lavoro qualificati lungo tutta la filiera di approvvigionamento (OEE, 2018).

Così, negli ultimi anni l’energia oceanica è stata oggetto di diverse iniziative politiche, sia a livello europeo che nazionale. Nell’Unione europea, in seguito al lancio della comunicazione
Ocean Energy nel 2014 e alla successiva istituzione del Forum per l’Energia Oceanica, l’industria è stata invitata a riunirsi per identificare azioni comuni per portare la tecnologia sul mercato. Più di recente, l’inclusione dell’energia oceanica nel nuovo Piano Strategico per le Tecnologie Energetiche (SET Plan) dell’Unione Europea (2015) pur avendo messo in luce l’attuale leadership europea nel comparto, ha sottolineato la necessità di migliorare le performance delle tecnologie energetiche oceaniche attraverso l’innovazione.

In linea con il SET Plan, la Commissione europea, gli Stati membri e gli stakeholder, hanno sottoscritto una
Dichiarazione di intenti per l’energia oceanica che definisce obiettivi di riduzione dei costi delle tecnologie energetiche oceaniche indirizzati a dare un contributo significativo al futuro sistema energetico europeo (2016).
Un ruolo determinante e imprescindibile spetterà alla ricerca: ad oggi sul tema della conversione di energia da moto ondoso non esiste ancora un consenso sulla configurazione più promettente, ragione per la quale sono in via di sviluppo più di cento diversi dispositivi in oltre trenta Paesi.
Il progresso e il futuro successo commerciale di ogni singolo dispositivo è legato al fatto che la tecnologia sia provata, affidabile ed economicamente sostenibile.
[...]

© nuova-energia | RIPRODUZIONE RISERVATA _._._._._._._._. TORNA AL SOMMARIO

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com