NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Oltre la retorica del Paese d’ ‘o sole Stampa E-mail

Oltre la retorica del Paese d’‘o sole

di PAOLO DI LEO, ROBERTO NAPOLI, FILIPPO SPERTINO / Politecnico di Torino


Della scommessa sulle energie rinnovabili, in particolare fotovoltaiche ed eoliche, si parla ormai sempre più spesso come presupposto per un futuro sostenibile.

Mai come adesso è stata tracciata con tanta chiarezza la prospettiva che porta al deciso incremento del loro uso per soddisfare i sempre crescenti consumi energetici. Ciò richiede una complessa transizione energetica nella quale accortamente l’Unione Europea mantiene oggi, e vuole mantenere in futuro, una leadership mondiale. Grazie alle sue scelte strategiche, l’UE è passata da una percentuale complessiva di rinnovabili del 9 per cento nel 2005 all’attuale 17 per cento, che diventerà il 20 entro il 2020 e il 27 entro il 2030. In queste percentuali è inclusa anche l’energia idroelettrica.

Si tratta di obiettivi medi europei, che in alcuni Paesi membri sono già stati ampiamente superati, come in Danimarca (già oggi al 50 per cento) e Germania (già al 20 per cento). Sino a poco tempo fa questi obiettivi sembravano fortemente, e magari irrealisticamente, ambiziosi. Le ultime analisi dei vari Paesi UE, secondo la direttiva
Clean Energy for All Europeans, considerano praticabile per il 2030 uno scenario con un minimo di rinnovabili al 30 per cento. Le implicazioni economiche e sociali sono rilevantissime.

L’analisi di IRENA
(International Renewable Energy Agency) ha messo a punto una mappa delle varie opzioni - REmap - per raggiungere e possibilmente superare il risultato minimo, tenendo conto dei risparmi nei costi energetici complessivi. La REmap considera le opzioni disponibili, distinguendo tra:

strong cost saving, ovvero misure particolarmente incisive basate su eolico, solare, idroelettrico, geotermico, solare termico negli edifici;
moderate cost saving, ovvero misure meno incisive, principalmente elettrificazione della mobilità, uso di carburanti biologici, diffusione di sistemi come le pompe di calore e teleriscaldamento;
additional cost, ovvero misure economicamente più critiche, principalmente differenti forme di uso delle biomasse.
[...]

© nuova-energia | RIPRODUZIONE RISERVATA _._._._._._._._. TORNA AL SOMMARIO

 
© 2005 – 2019 www.nuova-energia.com