NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Che cosa fare in vista della "fine" del petrolio Stampa E-mail

di G.B. Zorzoli

Un uomo che morde un cane fa notizia; il cane che morde l’uomo, no. Così le recenti previsioni della banca di affari Goldman Sachs (“non si può escludere che il greggio arrivi a 105 $/b”) per il loro catastrofismo hanno suscitato qualche clamore, mentre sono passate sotto silenzio le contemporanee tesi di alcuni ottimisti (“i prezzi nel lungo termine convergeranno verso i costi marginali, che non superano i 10$/b nei più onerosi giacimenti off-shore”). Tesi che, proprio per il loro contenuto tranquillizzante, possono invece trovare facile accoglienza presso i centri decisionali, contrariamente alle apparenze ben lieti di non essere costretti a prendere decisioni in materie per loro natura complesse e controverse.
Purtroppo le cose non stanno così. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02.3659.7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com