NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
A caccia di bufale nel fertile campo dell’energia Stampa E-mail











di NINO DI FRANCO
Torna al sommario

Dalla gravità che produce elettricità al moto perpetuo, dal tubo Tucker alla fusione fredda. Sono alcuni dei casi più eclatanti che hanno trovato ampio credito sui mass media. Come attrezzarsi per non cadere in inganno? Studiare le basi della matematica e delle scienze naturali. E non aver paura di impugnare il rasoio di Ockham per esercitare il proprio spirito critico.















Il rapporto 2018 di Global Digital, redatto da We Are Social e Hootsuite, la piattaforma più utilizzata dai social media, afferma che 4 miliardi di persone, il 53 per cento della popolazione mondiale, sono connesse in rete. Gli italiani passano in media 6 ore e 8 minuti su Internet ogni giorno. Ciò che gli internauti nerd affermavano qualche anno fa (Internet è la realtà. Fuori dalla rete c’è il nulla) si sta avverando, e nemmeno troppo lentamente.

Non è questa la sede per interpretazioni di tipo sociale o antropologico, possiamo solo prendere atto che ormai Internet è l’unica fonte da cui traiamo le informazioni che ci servono. Questo fenomeno, come afferma il guru della fenomenologia della rete Paolo Attivissimo, ne trascina con sé altri molto significativi.

Primo: la pubblicità, e quindi i finanziamenti, si spostano dai media tradizionali (le testate, sia cartacee che su web) ad altri siti di informazioni su Internet. Secondo: in mancanza di fondi, le testate tradizionali non possono fare informazione di qualità. Terzo: dipendendo gli introiti pubblicitari dal numero di accessi (i clic) alla specifica pagina web, e solo da questi, la veridicità dell’informazione ivi contenuta può divenire un plus. Da questa catena causale deriva l’esplosione del fenomeno delle bufale in rete e delle fake news.

La distinzione tra bufale e fake news consiste, sempre secondo Attivissimo, nella consapevolezza con cui queste vengono diffuse: le bufale sono notizie fatte girare in buona fede, di cui non ci si preoccupa di verificare l’esattezza, veicolate dalle classiche catene di Sant’Antonio. Le fake news sono invece notizie false confezionate ad arte, dal particolare contenuto evocativo ed emozionale, la cui spreadability richiama l’attenzione degli internauti su specifiche pagine web allo scopo di massimizzare le entrate pubblicitarie, oppure semplicemente per ingannare e produrre danni economici o di immagine ad una controparte, o benefici a se stessi.

Difendersi non è facile…
[...]


© nuovaenergia | RIPRODUZIONE RISERVATA

-----------------------------------------------------------------------------------

GLI ARTICOLI COMPLETI SONO DISPONIBILI PER GLI ABBONATI.7

ACQUISTA LA RIVISTA

_oppure

SOTTOSCRIVI L’ABBONAMENTO ANNUALE

 
© 2005 – 2018 www.nuova-energia.com