IL GIORNALIERO | Sarà l’accumulo a ricaricare l’industria europea del fotovoltaico Stampa E-mail

.19 APRILE 2017. - Sembra che il fotovoltaico non sia più l’asso pigliatutto, in grado di far saltare - da solo - il banco degli investimenti in campo energetico. Eppure, dopo un paio d’anni di stallo, questa fonte rinnovabile per eccellenza sembra vivere una seconda giovinezza, grazie alla collaborazione con le tecnologie dell’accumulo.
Non c’è quindi da stupirsi se la fiera leader mondiale per l’industria solare, Intersolar, ha deciso di scommettere sullo storage, offrendo ai visitatori anche l’evento ees Europe, il salone specialistico dedicato alle batterie e ai sistemi di accumulo più grande e visitato d’Europa.
Già oggi esiste un solido mercato che potrebbe letteralmente esplodere nel giro di un paio d’anni. “Secondo l’ente settoriale BSW-Solar - spiegano gli esperti di Intersolar - nel 2016 in Germania erano già installati 52.000 accumulatori solari, una crescita di 20.000 unità rispetto all’anno precedente. Entro il 2022, secondo Global Market Insights il fatturato potrebbe ammontare a circa 7 miliardi di euro. Questa evoluzione verrà trainata dal calo verticale dei prezzi degli accumulatori. Per fare un esempio, solo nella seconda metà del 2016 il costo degli accumulatori agli ioni di litio è sceso di circa il 15 per cento rispetto all’inizio del 2015”.
© Solar Promotion GmbHGli ambiti di applicazione sono vastissimi: dalle abitazioni private all’ambito commerciale, fino all’integrazione alla rete. Per non parlare poi della mobilità. “I veicoli elettrici sono sempre più richiesti - si legge in una nota di ees Europe - e questo dà l’occasione ad un numero sempre crescente di produttori automobilistici di offrire modelli dotati di batterie sempre più performanti e soluzioni per l’integrazione sistematica degli accumulatori mobili. Secondo Bloomberg New Energy Finance, nel 2030 in tutto il mondo circoleranno già più di 100 milioni di veicoli”.
Intersolar Europe ed ees Europe si terranno a Monaco di Baviera dal 31 maggio al 2 giugno.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

 
© 2005 – 2017 www.nuova-energia.com