NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
FOCUS ON

 
IL GIORNALIERO | Per le emissioni la settima arte merita un 4 in pagella Stampa E-mail

.10 MARZO 2017. - Non c’è proprio un attimo di pace! Anche al buio di una sala cinematografica, durante la proiezione di un film, stiamo minando la sostenibilità ambientale e contribuendo al climate change! Altro che semplice comparsa: la CO2 è una attrice “molto protagonista” della settima arte.
“L’intera industria cinematografica mondiale è responsabile del 2 per cento delle emissioni globali di anidride carbonica”, ha infatti stabilito un recente studio di ENEA e Green Cross Italia. Per intendersi: le emissioni mondiali di carbonio, dovute al consumo di fonti fossili, sono nell’ordine dei 32 miliardi di tonnellate/anno. Due punti percentuali equivalgono ad oltre 600 milioni di tonnellate. L’industria mondiale prodotta dal cinema, quindi, emetterebbe più di quanto non fa l’Italia nel suo complesso sommando la generazione elettrica, il settore trasporti, l’industria, il terziario e ogni altra possibile sorgente.
“Abbiamo calcolato - proseguono i ricercatori ENEA - che i consumi di energia e le relative emissioni si potrebbero ridurre di circa il 20 per cento, se tutte le produzioni cinematografiche adottassero protocolli di sostenibilità per la realizzazione dei propri film”. Oltre 100 milioni di tonnellate/anno sembrano essere in gioco. Chissà cosa ne pensano le molte star ambientalmente impegnate che frequentano i set di Hollywood!
E non si pensi che la filiera degli sprechi si possa esaurire con la consegna delle pellicole alle sale cinematografiche. Tutt’altro. Ecco qualche altro dato. Un cinema multisala può arrivare a consumare fino a 2 GWh/anno; e in Italia ce ne sono in esercizio 516. A cui vanno aggiunti 650 cinema teatro e 2.396 sale cinematografiche.
“Con interventi sui sistemi di illuminazione - conclude lo studio ENEA - sarebbe possibile ottenere risparmi fino al 60 per cento, e su quelli di climatizzazione, che rappresentano la spesa maggiore, si potrebbe ottenere un abbattimento dei consumi fino al 15 per cento”. E magari salta anche fuori per tutti gli spettatori una porzione gratis di popcorn...

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

 
© 2005 – 2017 www.nuova-energia.com