NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
FOCUS ON

 
INFO@COMUNI - Comieco gioca la carta dell’incentivo per aiutare i Comuni sottopeso Stampa E-mail











24 febbraio 2017 | INFO@COMUNI | NUOVA ENERGIA | Il Consorzio per il recupero degli imballaggi a base cellulosica, in accordo con ANCI, mette a disposizione un milione di euro per promuovere la raccolta nelle realtà con performance ancora insoddisfacenti. C’è modo di partecipare fino al 31 marzo.


La raccolta degli imballaggi di carta in Italia ha raggiunto livelli più che dignitosi. Per altro, proprio i materiali cellulosici sono subito associati da 9 italiani su 10 al concetto di differenziata, al pari di vetro e plastica. Meno immediato, invece, il collegamento per umido, alluminio, rifiuti elettronici e acciaio. Non meraviglia, tuttavia, scoprire che anche in questo caso l’Italia è a macchia di leopardo, punteggiata di Comuni super-virtuosi accanto a realtà ancora piuttosto acerbe.
Proprio per promuovere un’accelerazione della raccolta da parte dei ritardatari, anche quest’anno il CONAI, in accordo con l’ANCI, ha promosso un apposito bando del valore di un milione di euro “rivolto a tutti i Comuni che presentano risultati non soddisfacenti nella raccolta differenziata di carta e cartone, ma con reali potenzialità di crescita, e destinato all’acquisto di attrezzature necessarie allo sviluppo della raccolta stessa”.
È interessante notare come la soglia di accesso minimo sia stata posta quest’anno a 35 chilogrammi per abitante, rispetto ai 22 della prima edizione (2013). Segno che le aspettative si fanno più ambiziose (la media nazionale è attualmente al di sopra dei 51 chilogrammi a testa); ma anche che si intende premiare lo sforzo di chi qualche passo lo ha comunque già compiuto e non parte proprio da zero.
Il bando è disponibile all’indirizzo www.comiecoancibando.it/bando. Le domande di partecipazione da parte dei Comuni interessati vanno presentate entro il 31 marzo 2017.


LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DELLA NEWSLETTR INFO@COMUNI

 
© 2005 – 2017 www.nuova-energia.com