NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
FOCUS ON

 
Un piccolo passo per cominciare un grande cammino Stampa E-mail

Torna al sommario di Francesco Lepre| Responsabile commerciale clienti top & origination Duferco Energia




Dopo dieci anni di onorata carriera, presto l’Allegato A della delibera 111/06 potrebbe andare in pensione. Si tratta del testo che ha regolato e tutt’ora regola le condizioni per l’erogazione del servizio del dispacciamento.


Il 9 giugno scorso, infatti, l’AEEGSI ha pubblicato un documento di consultazione (DCO 298/2016/R/EEL) mirato a proporre linee guida per riformare transitoriamente il mercato per il servizio di dispacciamento. Transitoriamente perché tale riforma avverrà gradualmente e il DCO 298 presenta proposte relative alla prima fase (RDE-1) di questo radicale cambiamento.
Questa riforma rinnoverà completamente il servizio di dispacciamento, permettendo a nuovi soggetti (ad esempio, la domanda, la produzione da fonti rinnovabili non programmabili, le cogenerazioni ad alto rendimento, la generazione distribuita) di partecipare attivamente ai mercati dei servizi.

Quello che oggi è un mercato aperto da un lato alle Unità di Produzione Abilitate e dall’altro a Terna, domani darà accesso a molti più soggetti, che potranno operare anche in forma aggregata.
In altre parole, la domanda, così come anche una parte (una grande parte!) della produzione che ad oggi non ha accesso al mercato dei servizi, domani potrà rendersi disponibile a offrire capacità (a salire e/o a scendere) per risolvere problemi di congestione o di bilanciamento all’interno di intervalli temporali sempre più stretti. In futuro (speriamo non così lontano) potremo quindi immaginare utenze anche piccole di consumo che saranno in grado di vendere un servizio alla rete.
Parliamo del futuro, e nel futuro possiamo immaginare una rete integrata all’interno della quale le conoscenze dei propri consumi, delle proprie immissioni in rete, dei dati di rete, potranno essere note in tempo reale. Il DCO 298 è il cosiddetto “piccolo passo” per cominciare un “grande cammino”.
Immaginiamo quindi una rete in cui le misure di tutti i carichi possano essere disponibili in tempo reale e possano essere elaborate al fine di stabilire, istante per istante, la condizione della rete.
Sul come fare? entrano in gioco le tecnologie digitali. [...]

©nuovaenergia

L’ARTICOLO COMPLETO È DISPONIBILE PER GLI ABBONATI.
CHIEDI LA COPIA SAGGIO DELL’ARTICOLO IN FORMATO PDF A RIVISTA_at_NUOVA-ENERGIA.COM

 
© 2005 – 2017 www.nuova-energia.com