NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
IPCC tra scienza e politica: riflessioni (e riflessi) Stampa E-mail

Torna al sommario di Guido Possa






Il punto centrale dell’intero assessment dell’IPCC è ovviamente costituito dalla caratterizzazione dell’effetto dei gas serra antropogenici, ritenuti responsabili di gran parte del riscaldamento climatico in atto.



L’azione diretta dei gas serra non riguarda i flussi energetici incidenti sulla Terra (indicati in giallo in figura), ma i complessi processi energetici (radiativi e non radiativi) che avvengono tra atmosfera, oceani e terraferma, che si concludono con la fuoriuscita dalla Terra di energia.
A regime, tanta energia entra sulla Terra per l’irradiazione solare, tanta energia deve uscire. L’output energetico dalla Terra verso lo spazio avviene solo mediante radiazioni elettromagnetiche all’infrarosso, generate in base alla legge Stefan-Boltzmann.
I gas serra presenti nell’atmosfera non sono perfettamente trasparenti per la radiazione infrarossa, ma in determinate bande di assorbimento (diverse a seconda dei gas serra) “catturano” l’energia dei fotoni infrarossi incidenti.

L’immissione di gas serra nell’atmosfera ha perciò l’effetto di riscaldarla. A sua volta l’atmosfera riscalda (con scambio termico sia radiativo sia convettivo) terraferma e oceani, che aumentano di conseguenza la loro irradiazione infrarossa. L’aumento di temperatura degli oceani causa un aumento dell’evaporazione e dell’umidità nell’atmosfera. Rispetto a prima dell’immissione di gas serra, alla fine fuoriesce dalla Terra un flusso di radiazione infrarossa in una banda di frequenza più ristretta e a temperatura maggiore.

I documenti IPCC non presentano nessun approfondimento della complessa dinamica energetica che porta alla fuoriuscita dalla Terra della radiazione infrarossa
.
Danno indicazioni sommarie sugli scambi termici non radiativi tra atmosfera, oceani e terraferma, che tra l’altro variano molto con la latitudine cambiando addirittura segno (ad esempio, nelle zone equatoriali gli oceani raffreddano l’atmosfera, mentre le correnti oceaniche superficiali calde come la corrente del Golfo riscaldano l’atmosfera).
Non forniscono nessun esempio di spettri di emissione della radiazione infrarossa caratteristici delle varie superfici terrestri.[...]


©nuovaenergia

L’ARTICOLO COMPLETO È DISPONIBILE PER GLI ABBONATI.
CHIEDI LA COPIA SAGGIO DELL’ARTICOLO IN FORMATO PDF A RIVISTA_at_NUOVA-ENERGIA.COM

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com