NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Una città può essere intelligente solo se si riscalda in modo intelligente Stampa E-mail

Torna al sommario di Alberto Mariani | Utilitalia Area energia




Riscaldare senza inquinare o, quanto meno, riducendo al minimo l’impatto sulla qualità dell’aria delle città. Un obiettivo che è possibile centrare grazie ai progressi tecnologici che ci offrono oggi diverse vie d’uscita rispetto a un futuro fatto di città inquinate, rischi per la salute e crollo della qualità della vita.


Per trovare soluzioni applicabili immediatamente bisogna separare il problema dell’inquinamento dell’aria delle città da quello delle emissioni climalteranti e del riscaldamento globale, che può trovare risposta solo a livello globale e su un orizzonte di decenni. Minimizzare le emissioni presenti nelle città, dove vivono i due terzi della popolazione italiana, è invece un tema di policy contingente e piuttosto facilmente circoscrivibile a due dimensioni: il trasporto e il riscaldamento urbano.

Le industrie, che comunque sono già da tempo chiamate a ridurre le proprie esternalità negative, sono tipicamente dislocate fuori dei perimetri urbani. Il comparto del trasporto fatica a garantire lo stesso contributo di decarbonizzazione di settori industriali come quello energetico, anche a causa della scarsa competitività delle tecnologie alternative rispetto a quelle tradizionali, mentre i veicoli elettrici sono penalizzati dalla mancanza di un’infrastruttura capace di trasformarli in prodotti di massa e non più di nicchia.[...]

©nuovaenergia

L’ARTICOLO COMPLETO È DISPONIBILE PER GLI ABBONATI.
CHIEDI LA COPIA SAGGIO DELL’ARTICOLO IN FORMATO PDF A RIVISTA_at_NUOVA-ENERGIA.COM

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com