NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
I molti prezzi del petrolio e il ritorno ai fondamentali Stampa E-mail

Torna al sommario del dossier di Davide Urso






Il prezzo del petrolio sembra da decenni una geo-variabile non direttamente connessa ai soli fattori econometrici, né all’intersezione tra domanda e offerta presente sul mercato mondiale dell’oil. Aspettative, percezioni, fattori geopolitici, conseguenze inintenzionali delle azioni umane intenzionali e altro avrebbero effetti macroscopici sulla variabile prezzo.


Basti ricordare gli impatti della rivoluzione shale oil americana, della prima petroliera Made in USA salpata verso l’Europa, delle aspettative geoenergetiche dell’Iran, delle primavere arabe con post-ripercussione terroristica in Libia, Tunisia e le derive negative in Nigeria e Angola, dei riverberi di post-guerra fredda tra Stati Uniti e Russia, della scelta strategica dell’amministrazione Obama di un disingaggio parziale negli interessi medio-orientali che ha esacerbato gli equilibri in Iraq e in Siria, con proiezione esogena verso i Paesi del Golfo, a guida saudita, anche a seguito della “liberazione” di Teheran.
E così via.Senza dimenticare le dinamiche di crescita della domanda energetica che impattano dagli anni Novanta sulle proiezioni e gli scenari di variazione del prezzo del greggio, le politiche sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica, i potenziali programmi di sviluppo dell’energia nucleare, le scelte di riduzione di sussidi ai fossili, eccetera.

Inoltre, non sarebbero più solo gli Stati a determinare il prezzo. Beninteso, essi incidono in modo prioritario attraverso le scelte, la capacità di resilienza degli investimenti produttivi, lo sviluppo tecnologico.

Secondo la geoenergia, si assiste ad una commistione squilibrata tra la dinamica della scelta propria degli Stati e dei player geopolitici, geoeconomici e geofinanziari, gli attori transnazionali razionali, irrazionali e a-razionali, la imponderabilità della scelta tipica di strategie basate sul contingente e non sul mediolungo periodo, quindi non in grado di attutire l’imprevedibilità, le relazioni tra i fattori econometrici, eccetera.[...]

©nuovaenergia

L’ARTICOLO COMPLETO È DISPONIBILE PER GLI ABBONATI.
CHIEDI LA COPIA SAGGIO DELL’ARTICOLO IN FORMATO PDF A RIVISTA_at_NUOVA-ENERGIA.COM

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com