COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Clerici: "Nella generazione la dimensione è (un problema) centrale" Stampa E-mail

Torna al sommario del dossier di Dario Cozzi






Ci sono un elefante, una tigre e una mosca... Può sembrare l’inizio di una classica barzelletta da asilo, ma in realtà si tratta di una questione molto, molto seria. Stiamo infatti parlando di generazione e di possibili modelli di sviluppo, anche in relazione alle aree emergenti del Pianeta (la scelta degli animali non è casuale!) dove spesso l’energia elettrica deve ancora fare la sua comparsa. Dunque?



Nuova Energia
ha incontrato Alessandro Clerici (presidente onorario WEC Italia e presidente del gruppo internazionale WEC Integrazione delle rinnovabili) per esaminare nel dettaglio la questione.


A chi spetta oggi il titolo di centrale “elefante”?
_Direi “super elefante” viste le dimensioni in gioco: è l’impianto idroelettrico delle Tre Gole, in Cina, da 22.500 MW. È interessante notare come, nel tempo, sia sempre stato l’idroelettrico a puntare sulle taglie forti.
Analizzando i dati riportati in varie pubblicazioni si può verifi care che anche in passato la centrale più grande in servizio è stata sempre idroelettrica.
Considerando i grandi salti, si è passati dai 450 MW di Niagara Falls in Canada nel lontano 1922, ai 5.400 MW del 1971, sempre in Canada, e poi nel 1984 ai 14.000 MW di Itaipú in Paraguay/Brasile, per arrivare nel 2012 alla fase fi nale della centrale cinese delle Tre Gole. Dunque, a fi ne 2014 le cinque più grandi centrali in servizio nel mondo erano tutte idroelettriche, e con potenze superiori agli 8,4 GW ciascuna.


Veniamo alle altre fonti.
_Nel settore nucleare la più grande centrale costruita è quella di Kashiwasaki-Kariva con 8.000 MW di potenza (7 reattori attualmente fermi in attesa di ripartenza per le revisioni imposte sia dopo il terremoto locale sia a seguito del disastro di Fukushima), seguita dalla centrale di Bruce in Canada (6.300 MW) e da 6 centrali con potenze superiori ai 5.400 MW, installate in Ucraina (1), Sud Corea (2) e Francia (3).
Nel caso del carbone, la soglia massima si posiziona a ridosso dei 5 GW. A Taiwan opera un impianto da 5.500 MW, seguito dai 5.400 MW di una centrale polacca. In Cina sono addirittura 5 le centrali con potenze superiori ai 5.000 MW ciascuna. [...]

©nuovaenergia

L’ARTICOLO COMPLETO È DISPONIBILE PER GLI ABBONATI.
CHIEDI LA COPIA SAGGIO DELL’ARTICOLO IN FORMATO PDF A RIVISTA_at_NUOVA-ENERGIA.COM

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com