COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Così si fanno i conti con l’ambiente e gli euro Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier

di Massimo Ventura


Come cambiano anche i destini di certi colori... Un tempo il verde era il più delle volte associato a situazioni piuttosto spiacevoli: rimanere al verde, essere verdi di rabbia, patire i sorci verdi... Oggi il termine green (in inglese sembra essere ancora più friendly) evoca prima di tutto sensazioni positive.


In particolare, quando si parla di green economy. Ma è davvero una scelta vincente anche dal punto di vista economico, oltre che ambientale? In attesa di aprire i battenti della quarantesima edizione (dal 15 al 18 marzo 2016) MCE - Mostra Convegno Expocomfort ha presentato un interessante studio condotto dal Politecnico di Milano: L’utente finale e le tecnologie di risparmio energetico. Un lavoro che ha voluto fare i conti non solo in termini di kWh o Mtep risparmiati... ma anche di euro investiti.
“È il primo studio del genere, nel nostro Paese - ha commentato Massimiliano Pierini, managing director di Reed Exhibitions Italia - per offrire sia alle aziende sia al pubblico di operatori professionali un quadro completo e dettagliato su quali tecnologie, sistemi e integrazioni potranno avere uno sviluppo maggiore”.

Ecco alcuni degli spunti più interessanti emersi. Relativamente ai profili di domanda di una abitazione tipo, le pompe di calore richiedono un investimento tra 6.000 e 8.000 euro, i sistemi di building automation (capaci di rielaborare in modo costruttivo i dati dei consumi elettrici e termici di un’utenza energetica) necessitano di un budget fra 2.000 e 7.000 euro, mentre le caldaie a condensazione per soddisfare il fabbisogno di climatizzazione invernale e acqua calda sanitaria richiedono un range di spesa tra 1.500 e 3.000 euro. [...]


©nuovaenergia

L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati. Per maggiori informazioni sugli abbonamenti o per ricevere
Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo dell’articolo in formato PDF, contatta la redazione: 02 3659 7125 | Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com