NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Festival dell’Energia nel segno dell’EXPO Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier


di Davide Canevari


Si è svolta a Milano - dal 28 al 30 maggio - l’ottava edizione del Festival dell’Energia. Come ha dichiarato Alessandro Beulcke, presidente ARIS-Festival dell’Energia, “Questo progetto, fin dalle sue origini, ha cercato di promuovere un format completamente diverso rispetto a quello proposto da altre manifestazioni. Non voleva essere né una fiera né un evento di aggregazione per soli addetti ai lavori. L’idea di base, al contrario, era quella di partire da idee e messaggi sul tema energia che fossero già popolari... per renderli ancora più diffusi, condivisi, fruibili. L’energia spiegata, insomma. Nelle due accezioni del termine: raccontata e dispiegata”.
L’evento andato in scena nell’anno dell’EXPO milanese non ha tradito le attese. Nel complesso, infatti, la tre giorni - che si è snodata in una ventina di appuntamenti da EXPO Gate al Piccolo Teatro Grassi a Palazzo Marino, sede storica del Comune di Milano - ha coinvolto 80 relatori, più di 100 giornalisti, migliaia di visitatori e 65 mila contatti online.


Particolarmente sentito il richiamo della tavola rotonda Rinnovare l’Energia per l’Italia che ha visto la presenza dei maggiori player di mercato. “Dobbiamo agire per far fronte all’evoluzione della domanda energetica - ha commentato in questa occasione Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Affari Esteri del Senato – perché la popolazione mondiale viaggia verso i 9 miliardi e i Paesi non OCSE rappresenteranno oltre il 70 per cento della domanda di energia”.
Di particolare rilievo altri due eventi: Innovation Energy (centrato sui progetti più avveniristici in corso a Milano e in Lombardia) e il dibattito Energia in Rosa (sul ruolo delle donne nelle aziende energetiche). La manifestazione - hanno commentato gli organizzatori - si è dunque confermata come aggregatore di esperienze, opinioni, visioni e progetti, che il grande pubblico e la community degli addetti ai lavori hanno condiviso sulla base di un linguaggio finalmente chiaro e semplice. [...]

©nuovaenergia

L’articolo completo è disponibile solo per gli abbonati. Per maggiori informazioni sugli abbonamenti o per ricevere
Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo dell’articolo in formato PDF, contatta la redazione: 02 3659 7125 | Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com