COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
E.ON, a famiglie e imprese sostenibilità con soluzioni innovative Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier



di Dario Cozzi



Gli operatori energetici oggi si trovano ad affrontare un contesto di mercato complesso e molto diverso dallo scenario di qualche anno fa. Diversi fattori hanno contribuito a innovare e modificare significativamente questo settore: la crescita del mercato libero e l’aumento della concorrenza tra i player; la crescente sensibilità nei confronti della sostenibilità e le recenti politiche comunitarie e dei Paesi membri volte a promuovere l’efficienza; la prolungata crisi dei consumi e soprattutto la sempre Miguel Antoñanzaspiù pressante esigenza dei consumatori, sia domestici sia business, di ridurre gli sprechi e risparmiare in bolletta.



“Stiamo assistendo al radicale cambiamento del sistema energetico, del quale tutti gli attori coinvolti devono necessariamente tenere conto. Ci avviamo verso un modello in cui consumatori sono sempre più protagonisti e la competizione tra gli operatori si giocherà sull’effettiva capacità di identificare i trend di consumo e di rispondere in modo più efficace e innovativo alle nuove esigenze degli utenti”.
A descrivere questo scenario è Miguel Antoñanzas, presidente e amministratore delegato di E.ON Italia, società che da tempo ha fatto suo un approccio al mercato focalizzato sull’ascolto dei consumatori e sulla comprensione delle loro esigenze.



Oltre a cercare di contenere i costi energetici, il cliente oggi chiede agli operatori più qualità del servizio: maggiore chiarezza sulle fatture e, soprattutto, l’accesso a un maggiore dettaglio sui propri consumi di gas ed elettricità e a strumenti adeguati per attuare misure correttive che vadano nella direzione di una maggiore efficienza e sostenibilità.
L’empowerment del cliente è un elemento chiave cui sono chiamati a contribuire le istituzioni e gli operatori, con l’obiettivo di promuovere la consapevolezza degli utenti rispetto a un uso efficiente e sostenibile dell’energia e di mettere i consumatori nella condizione di poter consumare meno e meglio. In questo quadro, accanto al prezzo delle forniture, acquistano molta rilevanza dal punto di vista dei consumatori la qualità e l’efficacia dei servizi offerti. [...]

             
  *     *  
** * **


Molta energia a tutela dell’ambiente
In linea con il suo impegno per favorire una crescita ecosostenibile del territorio in cui opera, E.ON ha portato avanti anche in Italia importanti interventi e iniziative per la tutela e il rispetto dell’ambiente.
Nei pressi della centrale termoelettrica di Livorno Ferraris (Vercelli), la società ha concluso un progetto di riqualificazione ambientale articolato in interventi di mitigazione, compensazione e biomonitoraggio della fauna, per un totale di circa 45 ettari di terreno. Sono state così ampliate le aree naturali di uno dei principali e più importanti siti di biodiversità d’Italia, la palude di San Genuario, habitat di tre specie faunistiche minacciate a livello europeo: la testuggine palustre (Emys orbicularis), la farfalla licena delle paludi (Lycaena dispar) e il raro airone noto come tarabuso (Botarus stellaris).
Inoltre, a maggio di quest’anno la società ha contribuito alla creazione di cinque nuovi “boschi E.ON” piantumando 10.000 alberi su una superficie complessiva di oltre 16 ettari, in grado di compensare circa 7.000 tonnellate di CO2 in 100 anni.
Questo progetto consolida un’attività nata nel 2011 con “E.ON GasVerde”, la prima offerta per il mercato residenziale che associa la fornitura di gas naturale con la piantumazione di alberi. Grazie alle numerose sottoscrizioni del prodotto, l’azienda ha piantumato nel 2011 più di 2.000 alberi, creando il primo bosco E.ON in un’area protetta, presso i Comuni di Giussago e Lacchiarella, tra le province di Milano e Pavia.
“Questa iniziativa - ha ammesso con soddisfazione Miguel Antoñanzas - è un esempio di come E.ON promuove la sensibilità e la responsabilità ambientale coinvolgendo concretamente e fattivamente i propri clienti”.
*

** * ]**
*      
             

©nuovaenergia

L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati. Per maggiori informazioni sugli abbonamenti o per ricevere
Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo dell’articolo in formato PDF, contatta la redazione: 02 3659 7125 | Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com