NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
De Santi "Più forte la collaborazione con grandi partner internazionali" Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier



di Dario Cozzi



In una recente intervista rilasciata a Nuova Energia (vedi numero 6|2103) il Commissario europeo per l’ambiente Janez Potočnik ha dichiarato: “La green economy può davvero essere il punto di svolta per la ripresa dell’Europa”. Con quale possibile ruolo propulsivo per la ricerca? Nuova Energia lo ha chiesto direttamente a Giovanni De Santi, direttore dell’Istituto per l’Energia e i Trasporti del Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea (JRC).


Cosa può fare una struttura come il JRC per accelerare o rafforzare questo processo green?
**La transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e con una migliore ottimizzazione delle risorse rappresenta certamente una delle maggiori sfide che l’Unione europea dovrà affrontare per sviluppare sistemi energetici sostenibili e modalità di trasporto pulito, proteggere l’ambiente, mitigare i cambiamenti climatici.
Per rispondere con successo a tali crescenti responsabilità il JRC ha sviluppato un approccio multidisciplinare e intersettoriale, rafforzando la cooperazione con i propri partner strategici - a cominciare dalle customer DGs della Commissione europea - il Parlamento Europeo, gli Stati Membri, la comunità scientifica, gli stakeholder industriali - ma anche con importanti partner internazionali quali Stati Uniti e Brasile. In questa direzione si inserisce il recente lancio della Baltic Energy Security Research Platform con la firma di un memorandum of understanding tra il JRC e Lituania, Estonia, Lettonia, Svezia per la costituzione di un network di ricerca per l’analisi della sicurezza energetica nell’area baltica – capacity markets and integration of renewables, electrical transmission and distribution systems, energy mix and energy markets - a supporto delle decisioni della Commissione europea, degli Stati membri e dei differenti stakeholder privati.[...]


L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com