NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Montorfano: “Portiamo il GNL in azienda” Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier


di Davide Canevari


IL RESPONSABILE ENERGIE ALTERNATIVE E INNOVAZIONE LIQUIGAS




Anche in Italia il GNL sembra pronto ad abbandonare la sfera dei massimi sistemi (e le sale convegno) per trasferirsi sul territorio. Sono ormai parecchi anni che Nuova Energia scrive di gas naturale liquefatto e del suo possibile impatto sui sistemi energetici planetari. Fino ad oggi, tuttavia, il dibattito aveva riguardato aspetti macro e apparentemente intangibili, quali la geopolitica mondiale, il possibile (e mai decollato) ruolo dell’Italia come hub europeo del gas, futuribili scenari, applicazioni e progetti lungimiranti... Temi certamente affascinanti, ma ancora lontani dalla logica - e dalle esigenze quotidiane - dei consumatori di energia. E come tali, alla fine, piuttosto astratti. Dalle parole ai fatti, esiste invece già oggi una applicazione (pratica e concreta) del GNL, a disposizione delle imprese industriali italiane.
Scendiamo nei dettagli di questa proposta con Massimiliano Montorfano, responsabile energie alternative e innovazione Liquigas, azienda del settore energy presente sul mercato italiano dal 1936, che nei mesi scorsi ha annunciato il suo debutto proprio nel settore del gas naturale liquefatto.
“Già nei prossimi mesi consegneremo fisicamente ai nostri clienti le prime forniture di GNL”, esordisce Montorfano, giusto per fugare ogni dubbio: la macchina si è già messa in moto!


Quali sono i clienti ai quali vi rivolgete?
**In questa fase vogliamo orientare la nostra offerta essenzialmente al mondo industriale che non è raggiunto dalla rete a metano e che ancora oggi si affida - e non si tratta certo di casi isolati! - al gasolio o all’olio combustibile. Un’altra focalizzazione interessante è nei confronti delle aree rurali coperte da una rete locale alimentata a GPL, combustibile con il quale abbiamo maturato una pluridecennale esperienza.
Poi, crescendo noi e il mercato, potrà essere la volta di grandi complessi - ad esempio Università e ospedali - con esigenze di cogenerazione o di trigenerazione. Il passo successivo potrebbe essere quello di rivolgerci a consumi anche minori, come ad esempio quelli tipici di un condominio. Si tratta solo di organizzare la logistica e rendere quindi sostenibile economicamente raggiungere clienti con una domanda ridotta in termini di volumi. [...]



L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com