NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Sfogliando il “Conto di Montecristo” Stampa E-mail
Torna al sommario

di Ugo Farinelli



Poche vacanze di fine d’anno per i nostri colleghi del ministero dello Sviluppo economico, che il 28 dicembre 2012 hanno varato il Decreto attuativo del regime di sostegno alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni (prontamente ribattezzato “conto termico”), immagino tra scoppio di mortaretti e (sobrie) libagioni.

Un decreto annunciato e atteso, prontamente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 gennaio 2013, che segue a breve distanza (troppo breve per tenerne compiutamente conto) l’ultima direttiva europea sull’efficienza energetica del Parlamento e del Consiglio dell’Unione Europea del 25 ottobre 2012 (2012/27/EU). Questo decreto, come vedremo, è un po’ montecristiano (con riferimento al Conte oltre che al Conto), nel senso che fa vendetta di un certo numero di storture del passato, e speriamo che non ne crei di nuove!

La prima stortura da vendicare – la più visibile e ampiamente criticata – è stata la preferenza data finora alle fonti rinnovabili elettriche rispetto a quelle termiche. Il sistema dei Certificati Verdi (destinati alle rinnovabili elettriche) non si è dimostrato adeguato all’incentivazione su larga scala di almeno una delle tecnologie rinnovabili più importante e con maggiori potenzialità di riduzione dei costi, cioè il solare fotovoltaico. Ed è con questo in mente che è stata varata la serie di provvedimenti [...].



L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com