NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Sistema italia più competitivo se il trasporto marittimo va a GNL Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier

di Andrea Molocchi| ECBA Project Srl



Una nuova opportunità tecnologica ed energetica, non priva di difficoltà da superare, si sta rapidamente affacciando nel settore marittimo: il passaggio ad una propulsione navale alimentata con gas naturale, da stoccare a bordo allo stato liquefatto (GNL, in inglese LNG). Il presente articolo fa seguito a quello precedente, GNL pronto a raffreddare il costo dei trasporti marittimi, apparso sul numero 5 di questa rivista, per approfondire e dare diffusione ai più interessanti elementi del dibattito avvenuto in occasione del Green Shipping Summit, convegno tenutosi a Genova il 30 novembre 2012, nell’ambito di Port & Shipping Tech 2012.

Il Green Shipping Summit di quest’anno ha infatti affrontato per la prima volta in Italia il tema del GNL per uso marino con il necessario approccio sistemico, ovvero sia dal punto di vista delle navi (tecnologie e gestione) sia da quello ancor più complesso della supply chain (logistica e infrastrutture di approvvigionamento e fornitura del GNL alle navi). Da qui il titolo del Convegno: Gas naturale liquefatto per il trasporto marittimo: attrezzare i porti e ammodernare la flotta come fattore di competitività per il Sistema Italia.

La possibilità di un graduale abbandono del combustibile marino convenzionale (il cosiddetto bunker o fuel oil, residuo dei processi di raffinazione) a favore del progressivo impiego da parte delle navi del gas naturale, opzione che fino a pochi anni fa veniva considerata “avveniristica”, sta infatti guadagnando anche in Italia un’attenzione sempre maggiore da parte degli armatori e delle amministrazioni competenti, fino a prospettarsi come una soluzione tecnologica con un forte potenziale di diffusione a medio termine, non più relegata alla nicchia del trasporto del GNL, effettuato da decenni per approvvigionare i mercati del gas (i motori duali delle navi metaniere, infatti, possono usare già oggi i vapori in eccesso del carico di GNL). [...]



L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com