COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Goldoni: “Non c’è bioenegia senza meccanizzazione su misura” Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier

di Danilo Corazza


Inserito nell’ambito della fiera internazionale della meccanizzazione agricola EIMA International, il Salone EIMA Energy rappresenta uno degli appuntamenti più importanti nel calendario degli eventi dedicati alle fonti rinnovabili, e in particolare alle biomasse.
Massimo Goldoni è presidente di FederUnacoma, la federazione che in seno a Confindustria rappresenta i costruttori di macchine per l’agricoltura, la cura del verde, il movimento terra e la relativa componentistica, e che organizza la storica rassegna bolognese.


Nell’ambito di una fiera specializzata nella meccanizzazione agricola – quale è l’EIMA – le bioenergie possono sembrare un settore marginale, eppure siete già alla terza edizione…
**Il salone sta avendo successo proprio perché il pubblico si è reso conto che le filiere bioenergetiche possono svilupparsi solo in presenza di una meccanizzazione specifica e di nuova generazione. Le soglie di convenienza nella produzione di energia da biomasse sono infatti molto legate all’economicità della filiera, alla capacità di raccogliere, trasportare e trasformare la biomassa in modo rapido ed efficiente. E questo è possibile solo meccanizzando i cantieri.

In pratica si vuole passare da una fase artigianale nella gestione delle biomasse ad una fase industriale…
**È proprio così. L’agricoltura si è storicamente sviluppata nel momento in cui ha iniziato ad industrializzare le lavorazioni, ottenendo migliori economie di scala e sollevando gli operatori dalla fatica e dai limiti fisici del lavoro manuale.
L’introduzione delle macchine, del resto, funziona anche come fattore di razionalizzazione dei processi produttivi, perché comporta una migliore utilizzazione delle risorse naturali, con effetti positivi anche sull’ecosistema.
Trovo che le filiere bioenergetiche rappresentino una sfida molto interessante, perché consentono di mettere insieme in modo efficace il know-how dell’industria, le esigenze economiche dell’agricoltura, le logiche ambientali legate allo smaltimento dei residui e dei reflui. [...]



L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com