COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Chilowatt verde? Sembra facile… Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier

di Agostino Re Rebaudengo | presidente Asja Ambiente Italia


A inizio luglio hanno iniziato a produrre i primi kWh verdi le nuove 7 centrali fotovoltaiche progettate e costruite da Asja Ambiente Italia in Puglia e in Sicilia. Un risultato importante per l’azienda, soprattutto considerando le numerose incertezze che hanno caratterizzato il settore in questi ultimi mesi. Nella famiglia Asja il fotovoltaico è tra gli ultimi nati; l’azienda è cresciuta e ha maturato un’esperienza di oltre 16 anni grazie soprattutto al biogas e alle wind farm, raggiungendo una potenza installata di oltre 120 MW. Eppure, i nostri tecnici - entusiasti di lavorare anche sulle prime centrali da un MW solari - si sono impegnati al massimo per ottenere il migliore e più rapido dei risultati.

Non è stato semplice... I primi iter autorizzativi sono partiti già nel 2007, quando, soprattutto in Puglia, lo sviluppo del settore non era ancora delineato; questo ha rallentato incredibilmente l’ottenimento dei primi sì. Abbiamo dovuto affrontare una situazione tipicamente italiana: la burocrazia ha la capacità di sommergere tutto, anche l’esigenza del Paese di poter disporre di energia verde. Per autorizzare una centrale fotovoltaica da 1 MW oggi, in Italia, sono necessari dagli otto mesi ai due anni, dovendosi scontrare spesso con uffici inondati da richieste e popolati da funzionari spesso poco competenti in materia.

Nonostante le difficoltà, e forti di una pazienza maturata in anni di lavoro nell’eolico (dove la situazione autorizzativa è ancora peggiore), gli iter delle diverse autorizzazioni sono stati portati avanti in parallelo e sono giunti al traguardo nel corso del 2010. L’azienda ha deciso di cogliere l’importante sfida di aprire contemporaneamente 5 cantieri dislocati in due regioni distinte; e successivamente ulteriori due in Puglia, per un totale di 6,4 MW. Ciascuna centrale ha richiesto circa 4 mesi di cantiere per essere ultimata e complessivamente sono stati posati 290 chilometri di cavi elettrici e 8 chilometri di recinzione e installati circa 26.000 pannelli in silicio mono-cristallino di elevata potenza e inverter di tecnologia italiana. [...]



L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com