COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Zampini: “Un futuro ricco di opportunità” Stampa E-mail
Torna al sommario del dossier

Giuseppe Zampini, amministratore delegato di Ansaldo Energiadi Davide Canevari


Ai primi di maggio Giuseppe Zampini, amministratore delegato di Ansaldo Energia, durante l’ultima assemblea di Finmeccanica aveva guardato al futuro - in chiave post Fukushima - con un certo ottimismo. “Dal nostro punto di vista aziendale il rallentamento del nucleare potrebbe dare una spinta significativa alle attività nei settori convenzionali del gas e delle rinnovabili”.
E in zona atomo “lo scenario delle attività di stress test ci pare molto promettente; e anche l’ipotesi di procedere allo smantellamento di centrali ormai ritenute obsolete o non sufficientemente sicure sembra interessare direttamente Ansaldo Nucleare”. Nuova Energia è tornata su questo e altri temi incontrando l’ad di Ansaldo Energia durante l’evento Power-Gen Europe.


Nel settore energia sembra sempre più difficile fare previsioni... Lei ne proporrebbe qualcuna?
**No, non chiedetemi numeri, perché in questo momento sarebbe un azzardo. Al più posso dare una vision generale: dopo Fukushima la policy energetica dei vari Paesi dovrà essere ridefinita e pilotata con maggiore attenzione; e nello stesso tempo dovrà tenere in piena considerazione l’opinione della gente. I governi dovranno concentrarsi sulla sicurezza degli impianti e sulle politiche di approvvigionamento energetico. Anche per le imprese ci sarà un momento interessante di riposizionamento. [...]


L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com