NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
EFFICIENZA

 
Stiria, il cervello verde d’Europa Stampa E-mail

di Dario Cozzi


.


"COSÌ HO FATTO IL MIO GRUPPO"

...
.

Francesca Ferlaino, ricercatrice presso l'Università di Innsbruck
Mi sono trasferita ad Innsbruck circa 4 anni fa.
Ero arrivata qui come visiting scientist, con l’idea
di rimanere in Austria solo quattro mesi. Sono arrivata per lavorare nel gruppo
di fisica atomica ed ottica quantistica guidato
da Rudolf Grimm, trovando un ambiente di lavoro eccellente.
Questo gruppo è uno dei più riconosciuti a livello mondiale, nel quale
un altissimo livello di eccellenza si combina con un ottimo training per dottorandi e post-doc e con un ambiente estremamente internazionale.

La mia idea era di imparare nuove tecniche sperimentali e portare
questa conoscenza in Italia. Le cose sono poi andate diversamente,
e i quattro mesi sono diventati quattro anni. Inizialmente ho prolungato
la mia permanenza ad Innsbruck solo di qualche mese, in modo da
completare l’acquisizione dati e gli esperimenti che stavo portando avanti. Poi sono arrivati i riconoscimenti: La Lise-Meitner fellow, lo START-prize, l’ERC-starting Grant, il Fritz-Kohlrausch-Prize. Le cose si sono cosi sviluppate molto velocemente e ho iniziato a fare il passo più importate nella carriera dei giovani scienziati: formare il mio gruppo di ricerca indipendente. Al momento, il mio team è composto da un dottorando
e due laureandi. Siamo un gruppo molto giovane, pieni di vitalità
e curiosità verso la scienza.

............................................................Francesca Ferlaino

...
. . ...
...

Grazie alle proprie qualità ambientali, da sempre è considerata il cuore verde dell’Austria (qualcuno l’ha ribattezzata la Toscana d’Austria). Ora, per merito delle sue scelte imprenditoriali, può addirittura ambire anche al ruolo di cervello verde d’Europa.
La Stiria, regione del Sud Est austriaco, è uno dei casi più evidenti della possibile convivenza di business e rispetto ambientale. La conferma che in un percorso virtuoso di sviluppo sostenibile le opportunità - per chi le sa cogliere - sono decisamente più concrete dei vincoli. Proprio la Stiria ospita, tra l’altro, Eco World Styria, distretto di eccellenza dell’energia e delle tecnologie ambientali.

Fondato nel 2005, questo cluster conta oggi più di 150 aziende e circa 13.000 posti di lavoro eco. In soli 5 anni ha saputo segnalarsi come realtà di punta a livello mondiale.
Quest’anno si è qualificato al primo posto nella classifica internazionale realizzata dalla statunitense Cleantech Group, grazie alla più alta densità di industrie a tecnologia pulita in considerazione della quantità, del volume d’affari, del contributo al Pil e della crescita annua. Il Gruppo Cleantech, con sede ad Atlanta (Usa), è un network di investimento globale nel settore delle tecnologie pulite e da anni realizza classifiche internazionali sulla base di criteri specifici, come concentrazione di aziende sul territorio e capacità di innovazione.
Fino ad ora gli studi hanno preso in considerazione Paesi e università; quest’anno per la prima volta sono stati valutati anche i cluster dedicati alle tecnologie ambientali. Le aziende di Eco World Styria hanno sopravanzato, nella classifica, New England (Usa), Finlandia, Canada e Danimarca. “Questo riconoscimento sottolinea la posizione di leader su scala mondiale delle aziende della Stiria - ha sottolineato Christian Buchmann, consigliere regionale della Stiria per l’innovazione, l’economia e la finanza - nel campo dell’energia e delle tecnologie ambientali. È anche una grande conferma della professionalità che caratterizza questa regione austriaca. Solo nel 2008 sono stati creati circa 2.000 nuovi posti di lavoro e negli ultimi cinque anni, Eco World Styria è riuscita a raggiungere l’eccellenza nel campo dell’energia e delle tecnologie ambientali”. [...]

L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2017 www.nuova-energia.com