COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Il vero Ponte sullo Stretto è quello elettrico Stampa E-mail

di Federico Santi



Nel mercato elettrico circola un’idea interessante: eliminare la congestione del collegamento tra Sicilia e Calabria realizzando un elettrodotto virtuale (nell’attesa, ovviamente, della realizzazione di un elettrodotto fisico). Scopo dell’idea è ridurre gli altissimi prezzi dell’elettricità che si formano in Sicilia per colpa della congestione del collegamento esistente e della obsolescenza degli impianti termoelettrici siciliani. Per i meccanismi di compensazione geografica del prezzo, la distorsione siciliana fa aumentare il prezzo unico nazionale (PUN) pagato da tutti i consumatori elettrici italiani.

Da più parti si sostiene che il suddetto elettrodotto virtuale non solo non aiuterebbe a ridurre il prezzo dell’energia elettrica, ma addirittura lo farebbe aumentare. Questa curiosa posizione contrasta con le simulazioni effettuate dalla Fondazione Economisti dell’Energia, con l’aiuto di un noto modello Markal-Times multiregionale del sistema elettrico italiano utilizzato ormai da anni dalle istituzioni e dagli operatori elettrici. Sintetizzando, il prezzo dell’elettricità nella zona siciliana supera oggi il prezzo nazionale di circa 30-40 euro/MWh; ad esempio, nel primo trimestre del 2010 il prezzo siciliano è stato più alto del PUN di oltre 37 euro/MWh.

«Elettrodotto Sicilia-Calabria: tra il fare e il non fare,
il fare virtuale aiuta consumatori e mercati»

In soldoni, questo equivale a grandi profitti extra per chi produce elettricità in Sicilia e, quel che è peggio, ad un importante extra-costo per il sistema elettrico nazionale, calcolato in circa 1.200 milioni di euro ogni anno, con un impatto sul PUN di circa 3,7 euro/MWh. Vale a dire che, in media, per colpa della congestione siciliana, un consumatore lombardo, laziale o napoletano paga l’energia elettrica il 5 per cento in più del dovuto.[...]


L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com