COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Acqua: pubblico e privato insieme, ma intanto... Stampa E-mail

di Ettore di Secondo


Un Piano Investimenti per il settore idrico per superare il gap infrastrutturale e offrire un contributo per uscire dalla crisi, con un’accelerazione degli investimenti e un effetto positivo sui livelli occupazionali (stimati in 160-220 mila unità).
Sono alcuni dei dati del Piano presentato da Federutility, Anima (Associazione nazionale industrie meccaniche e affini) e Agi (Associazione imprese generali) ad una lunga lista di ministri: Giulio Tremonti (Economia), Altero Matteoli (Infrastrutture), Stefania Prestigiacomo (Ambiente) Raffaele Fitto (Rapporti con le Regioni). Oltre che al presidente della Conferenza Stato-Regioni Vasco Errani.
Nel documento sono illustrate le linee e le cifre economiche per la realizzazione delle opere infrastrutturali nel settore idrico, con gli obiettivi di riduzione delle perdite, continuità del servizio, maggior qualità dell’approvvigionamento (in particolare nel Mezzogiorno) e del trattamento dei reflui, nel rispetto delle norme nazionali ed europee [...] .

L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com