COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
L’Information Technology esplora gli idrocarburi Stampa E-mail

di Giuseppe Radicati - Business Development Executive di IBM Global Technologies services


Nei prossimi 25 anni, i consumi energetici mondiali aumenteranno del 45 per cento, sostenuti in particolare dallo sviluppo di Cina e India. Per far fronte a questo aumento, oltre a sviluppare sorgenti energetiche alternative, continuerà la ricerca di nuovi giacimenti petroliferi e lo sviluppo di tecnologie innovative per aumentare le percentuali di recupero - il recovery rate - dei giacimenti esistenti e per gestirli in un modo più effi- ciente ed economico.
Alcuni dati per illustrare i problemi nell’esplorazione. Con la diminuzione del numero di campi petroliferi accessibili su terraferma, i campi offshore, perforati in mare aperto, stanno diventando sempre più importanti. Trivellare un pozzo costa tra 20 milioni e 50 milioni di dollari; negli Stati Uniti in media si perforano sette pozzi per trovarne uno produttivo.
Le attuali tecnologie consentono, in media, di estrarre il 35 per cento degli idrocarburi in un giacimento. Recuperare anche solo un piccola frazione addizionale dai pozzi esistenti significherebbe assicurare idrocarburi sufficienti al consumo mondiale per alcuni anni. L’Information Technology gioca un ruolo molto importante nell’elaborazione dei dati geologici e dei rilievi geofisici utilizzati dai geologi e dagli ingegneri di produzione nell’esplorazione e nella produzione. [...]

L'articolo completo è disponibile solo per gli abbonati.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com