NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
L'interesse energetico USA e la teoria (europea) delle "guerre del petrolio" Stampa E-mail

di Nicola Pedde - Università La Sapienza (Roma), segretario generale Isgeo (Istituto studi geopolitici e geoeconomici)

Per tutti gli analisti, esperti o semplici opinionisti che nelle fasi precedenti al conflitto con l'Irak avevano sostenuto a gran voce l'esclusiva rilevanza del fattore petrolifero a monte degli interessi statiunitensi in loco, l'attuale condizione del mercato locale iracheno deve rappresentare un vero e proprio enigma. Non solo l'esportazione del greggio già stoccato a Ceyhan e a Mina al-Bakr procede con estenuante lentezza; non solo è difficile stabilire quando l'attività di produzione vera e propria riprenderà.[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo



 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com