NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Così sono retribuiti i top manager europei dell'energia Stampa E-mail

di Fabio Mondini de Focatiis


L’attuale crisi finanziaria e industriale, e diversi episodi di retribuzioni di top executive fortemente disallineate con i risultati aziendali, hanno concentrato l’attenzione generale sulle retribuzioni, in particolare nei grandi Gruppi.
I consigli di amministrazione e i comitati dì remunerazione sono quindi sempre più attenti ai valori e ai trend del mercato per assicurarsi di bilanciare la pressione delle retribuzioni. Per assistere i comitati di remunerazione di alcuni Gruppi energetici europei, Russell Reynolds Associates, un leader mondiale dell’executive search, ha effettuato un’analisi dei pacchetti retributivi di oltre mille presidenti, amministratori delegati e membri del CdA di Gruppi industriali europei con ricavi oltre i 3 miliardi di euro con particolare attenzione al settore energetico per valutarne valori, composizione, trend e scostamenti rispetto ad altri settori.
Sono state analizzate separatamente le persone che ricoprono i ruoli di: presidente; amministratore delegato; presidente e amministratore delegato congiunto; membro non esecutivo del CdA. Ulteriori analisi hanno considerato la componente geografica e la dimensione delle aziende. Infine è stata fatta un’analisi più approfondita su una decina di pacchetti retributivi di Ceo dell’Energy di aziende con ricavi tra i 3 e i 50 miliardi di euro. [...]

 

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com