NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Zuccoli: "Teleriscaldamento? Un'enorme potenzialità non ancora sfruttata" Stampa E-mail

il sindaco Letizia Moratti e Giuliano Zuccoli firmano la convenzione per la riduzione dei gas serradi Danilo Corazza


La tecnologia del teleriscaldamento è oggi più che mai attuale, anche nell’ottica degli impegni assunti dall’Italia in chiave europea.
Sul tema Giuliano Zuccoli, presidente del consiglio di gestione di A2A, non sembra avere dubbi.
“Il teleriscaldamento assume in sé la coerenza con le politiche di tutela ambientale, in particolare della qualità dell’aria, limitando le emissioni inquinanti”.


Scendiamo più nel dettaglio
Parlo dei progetti di A2A. I vantaggi ambientali derivano soprattutto dalla produzione di calore attraverso la tecnologia delle pompe di calore, ovvero attraverso una tecnologia ad emissioni zero; dall’utilizzo di gas naturale quale combustibile per l’alimentazione dei motori e delle caldaie di integrazione e riserva, dunque di un combustibile a contenute emissioni di CO2; dall’adozione della cogenerazione, che favorisce il risparmio di energia primaria (combustibile), riducendo di conseguenza i quantitativi di inquinanti emessi in atmosfera. E, ancora, dall’adozione di sistemi per il contenimento degli inquinanti, in particolare degli NOx o dalla realizzazione di reti di teleriscaldamento urbano per la distribuzione di calore a utenze residenziali e terziarie.

In tal modo si sostituiranno gli impianti centralizzati di produzione calore, concentrando le emissioni in un unico punto proveniente da un ciclo industriale che adotta le migliori tecnologie per il contenimento e il monitoraggio continuo delle emissioni stesse.
Si sostituiscono tra l’altro anche impianti di combustione che utilizzano gasolio, riducendo in tal modo le emissioni di biossido di zolfo e polveri sottili sulle città. La diminuzione delle emissioni di CO2 risulta in pieno accordo e in applicazione delle azioni di governo locale conseguenti all’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, necessarie per una riduzione globale delle emissioni climalteranti, con particolare incentivazione alla produzione di energia da rinnovabili e alla cogenerazione ad alta efficienza. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com