NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Una scossa al "passo lento" Stampa E-mail

val di Fassa, passo lentodi Edgardo Curcio


[...] Nella situazione generale che si è venuta a determinare, e che sicuramente interesserà ancor di più il 2009, sono passati "in sordina" i ritardi che si stanno accumulando per nuove infrastrutture energetiche nel nostro Paese. Iniziamo dagli idrocarburi per segnalare che, ancora una volta, è diminuita la produzione nazionale di olio e gas: non solo, ma il contenzioso che si è aperto con alcune Regioni, in primo luogo con la Basilicata, rischia di minare sempre di più il fragile sistema di riserve sfruttabili.
Qunidi, se non si conseguirà presto un accordo per lo sviluppo dei giaciamenti di idrocarburi già trovati in terra e in mare (ad esempio, offshore dell'Alto Adriatico) e nonostante le ancora discrete potenzialità di nuove riserve minerarie, l'Italia si avvierà a diventare un Paese completamente sterile in tema di produzione interna di olio e gas. Sempre in materia di idrocarburi, e più specificatamente di gas, va ricordato anche il forte ritardo nella realizzazione di nuovi stoccaggi, nonostante i bandi emessi dal minisetro dello Sviluppo economico e l'intersse dimostrato da molti operatori industriali a utilizzare giacimenti esauriti o altri siti geologici.
Da una recente analisi, sembra che il tempo medio per iniziare i lavori di sfruttamento di nuovi stoccaggi gas in Italia è di circa 4 anni, e cioè un tempo estremamente lungo e non riscontrabile in nessun altro Paese, in grado quindi di scoraggiare qualsiasi Gruppo industriale italiano o estero interessato a sviluppare queste attività nel settore del gas naturale. sempre analizzando il settore del gas, troviamo una serie di ritardi in quasi tutte le nuove infrastrutture di importazione, sia via LNG, sia via gasdotti. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com