COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
RUBRICA - Passato (quasi) prossimo Stampa E-mail
a cura di Giorgio Stilus


Gennaio-Febbraio 1989 Un Brunetta ante litteram cerca di scuotere la granitica macchina della pubblica amministrazione, richiamando al proprio dovere i dipendenti meno ligi. L’assenteista rischierà tre anni di carcere, promette sul Corriere della Sera del 21 gennaio l’onorevole Enzo Nicotra, capogruppo della DC. Magari ne riparliamo tra 20 anni… sembrano però rispondere i suoi stessi colleghi di partito, come ben sintetizza, sempre il Corriere della Sera, a dieci giorni di distanza. Manette agli assenteisti? Non ci crede nessuno. Scetticismo e sarcasmo hanno accolto negli ambienti ministeriali la proposta.
Solo una nota di colore, che ben sintetizza, tuttavia, il clima di fondo che (anche) allora si respirava e che (soprattutto) imperava nel campo dell’energia. I problemi ci sono, e sono sotto gli occhi di tutti, ma per le soluzioni… ci penseranno le prossime generazioni! Dopotutto il Paese – e più in generale l’economia mondiale vivono un momento di grande euforia (e questa è una delle rare variabili che ci differenziano da allora): Settimo anno senza crisi. Gli esperti concordano, la tendenza rimarrà positiva almeno fino al ’90 (Corriere della Sera, 4 gennaio). E quindi, perché ragionare con una visione prospettica e di programmazione? Tra gli addetti ai lavori l'estrema fragilità del nostro sistema energetico viene più volte denunciata, ma senza alcun esito, neppure parziale. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com