NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
"Così abbiamo creato una giovane ESCo" Stampa E-mail

di Federico Bollati, Maria Grazia Catizone, Francesco Leo, Alessio Mastroianni,
Maria Lucia Rossi Pincelli, Simona Tito



Francesco Leo, Alessio Mastroianni, Maria Grazia Catizone,Federico Bollati, Simona Tito, Maria Lucia Rossi PincelliLe crisi petrolifere hanno comportato nei Paesi grandi consumatori di energia un graduale cambiamento nell’approccio ai temi dell’approvvigionamento e del consumo di energia. La voce energia ha cominciato ad avere un’importanza strategica sempre maggiore negli equilibri internazionali, e il suo uso efficiente è stato posto come una delle basi per lo sviluppo. È proprio in questo contesto che iniziano a svilupparsi le prime società di servizi energetici, le ESCo (Energy Service Company).
Come noto, la peculiarità di tali società è quella di proporre interventi che mirino all’efficienza energetica e che garantiscano al cliente un contenimento dei consumi; quindi un risparmio economico. La ESCo ottiene il suo guadagno dalla differenza tra la bolletta energetica pre e post intervento migliorativo, in toto o proquota, fino al termine del periodo di pay-back. Allo scadere dei termini contrattuali, l’utente potrà beneficiare totalmente della maggiore efficienza del proprio impianto e, diventandone proprietario, potrà quindi scegliere se mantenere la gestione affidata alla ESCo, a condizioni da negoziare, o se assumerla in proprio.
In Italia tali società vengono riconosciute (sebbene tuttora non ne esista una definizione “ufficiale”) con il Decreto Legislativo Bersani 79/99 che recepisce la Direttiva 96/92/CE (mercato elettrico interno). Per ciò che riguarda il settore gas, il riferimento è al Decreto Letta, il 164/00, in recepimento della 98/30/CE. Dall’idea imprenditoriale di un gruppo di giovani professionisti che nel loro iter formativo hanno maturato una conoscenza del sistema energetico, con le sue criticità e problematiche, nasce il progetto EnergEtica ESCo, che si propone come società di servizi energetici nei settori della cogenerazione, del fotovoltaico, e dell’edilizia eco-sostenibile. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2018 www.nuova-energia.com