COOKIE
 
PAUSA-ENERGIA
 
Futuro caldo o freddo? Risponde il passato Stampa E-mail

di Joachim Gretz


Se ormai è accettato che il nostro Pianeta subirà un riscaldamento inusuale entro i prossimi secoli, come risultato delle emissioni di anidride carbonica e di altri gas a effetto serra prodotti dall’uomo, è interessante vedere se tale fenomeno è davvero senza precedenti e, se invece non è così, perché. [...]
Tra il 1980 e il 1985 ricercatori sovietici e francesi perforarono il ghiaccio a Vostok fino ad una profondità di 2.083 metri ed estrassero un campione di ghiaccio di tale lunghezza. Quando la neve si compattava sotto il peso di successive nevicate nell’arco degli ultimi 160 mila anni, l’aria compressa negli strati di ghiaccio restava intrappolata in bolle, l’analisi delle quali fornisce oggi una testimonianza delle temperature atmosferiche e della concentrazione di anidride carbonica (composizione dell’isotopo deuterio/idrogeno per la temperatura e analisi spettrale per l’anidride carbonica). [...]
Valutando un arco di tempo che comprende le due principali glaciazioni di Riss, 150 mila anni fa, e la più recente di Wuerm, circa 20 mila anni fa e numerose altre glaciazioni minori, la temperatura atmosferica è variata di 12,5 gradi, le concentrazioni di anidride carbonica sono variate di 100 ppm da 190 a 290 ppm. Si vede, per altro,che le temperature e le concentrazioni variano quasi allo stesso modo..[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 
© 2005 – 2021 www.nuova-energia.com