NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Rinnovabili, Gran Bretagna in ritardo sulla Direttiva europea Stampa E-mail

di Simon Allen -President ICF Consulting Ltd

da Londra

Secondo la Direttiva europea sull'impiego delle energie rinnovabili - la 2001/77/EC - la Gran Bretagna dovrà assicurare che almeno il 10 per cento della sua produzione elettrica sia da fonte rinnovabile nell'anno 2010. La percentuale scende al 9,3 per cento, se si esclude il grande idroelettrico. Nel 2003 in Gran Bretagna risultava una generazione da fonti rinnovabili pari a 3GW (dato al maggio 2003; fonte DTI-Uk Government). All'incirca il 3 per cento della potenza complessiva installata. Se tuttavia si esclude il grande idroelettrico la quota scende a un risicato 2 per cento. In questo contesto il"Renewables Obligation system" prevede che una proporzione crescente della generazione sia effettivamente da fonte rinnovabile. Si parte dal 3 per cento nel 2002/3 per crescere, appunto, fino al 10 per cento nel 2010. Il Governo ha già stabilito gli step successivi: 15 per cento nel 2015 e 20 per cento nel 2020. [...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com