NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Liberalizzazione del mercato? Siamo ormai alla tessera del pane in versione elettrica Stampa E-mail

di Giuseppe Gatti

Quando venne approvato il Decreto Bersani nessuno si aspettava che in Italia il passaggio da un regime monopolistico a un assetto concorrenziale potesse compiersi in tempi brevi e con immediati riiflessi sulla struttura dei prezzi. Troppe le resistenze e troppi soprattutto i vincoli strutturali a partire da quelli posti da un parco elettrico obsoleto e alimentato da un mix di combustibili che distanziano inesorabilmente l'Italia da un' Europa nella quale l'80% della produzione viene dal nucleare e dal carbone. Se dunque era nell'ordine delle cose che una reale concorrenza si manifestasse soltanto in tempi lunghi, quando si fossero costruite nuove centrali e dunque all'orizzonte 2007-2008 e senza attendersi le miracolistiche discese dei prezzi continuamente annunciate dall'on. Marzano, non era però immaginabile tanta inettitudine e tanta confusione nel gestire il percorso di liberalizzazione del mercato. In realtà del mercato si è persa qualunque prospettiva, dato che siamo ormai alla tessera del pane in versione elettrica: razionato l'import, distribuito pro-quota, e assegnata pro-quota anche l'energia da Cip 6.[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com