NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Italia e Gran Bretagna un parallelo sui "certificati bianchi" Stampa E-mail

di Ugo Farinelli - AIEE

L'iniziativa che ha portato al sistema dei titoli di efficienza energetica negoziabili in Italia, anche se fortemente innovativa nei contenuti e negli strumenti usati, non è tuttavia isolata e non rappresenta un caso unico. Un dispositivo per molti versi analogo è in atto - e già collaudato - nel Regno Unito; uno consimile è stato adottato in Australia (nel New South Wales); l'adozione di un sistema di questo tipo è a uno stato avanzato in Francia, e il Belgio lo sta considerando seriamente. Vari altri Stati membri hanno adottato o stanno adottando misure simili, e la stessa Commissione Europea ha espresso un orientamento favorevole in tale senso. La recente direttiva sul comportamento energetico degli edifici, pur senza introdurre uno specifico schema di applicazione, fa riferimento a molti principi che sono alla base dei certificati bianchi. Può essere pertanto utile riportare in particolare qualche informazione sul caso più avanzato, quello britannico, anche per sottolineare similarità e differenze rispetto al caso italiano, che indicheremo come TEE (titoli di efficienza energetica).[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com