NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Razionalità va cercando dagli anni Ottanta Stampa E-mail

di G. B. Zorzoli

A cavallo fra fine Anni '70 e inizio anni '80 in quasi tutti i Paesi sviluppati le due crisi petrolifere avevano posto i problemi, allora vissuti in modo drammatico, dell'autonomia energetica e del conseguente contenimento delle fonti di energia d'importazione. Di qui. Di qui la notevole priorità data all'uso razionale dell'energia e alla promozione di fonti rinnovabili o assimilate (vista sostanzialmente come un "prolungamento" delle azioni tese a risparmiare fonti energetiche non rinnovabili), la cui attuazione venne affidata a provvedimenti basati principalmente su incentivi economici. In parallelo, sempre in quel periodo, vennero varati diversi programmi, nazionali e internazionali, per la ricerca, lo sviluppo e la promozione di nuovi processi e prodotti finalizzati a un uso sempre più razionale dell'energia e a promuovere un ricorso crescente alle fonti rinnovabili. Coerente con questo modello è anche il caso italiano, dove, se pur tardivamente, le leggi in materia 9/91 e 10/91, furono concepite come strumenti attuativi di un Piano energetico nazionale (PEN), quello del 1988, il cui obiettivo primario era ancora l'autonomia energetica.[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com