NOVITÀ

Abbonati ONLINE!

 
COOKIE
 
Il "Progetto Metano" vorrebbe veramente fare il pieno Stampa E-mail

di Cecilia Gatti

Pochi mezzi a metano perchè ci sono pochi distributori di metano o pochi distributori perchè ci sono pochi mezzi? Sarà vero?Secondo Federmetano, la principale associazione di riferimento per i proprietari di impianti per la distribuzione del metano ad uso autotrazione, l'attuale rete esistente sarebbe in grado di soddisfare le esigenze di un parco vetture superiore di tre volte l'esistente. In ogni caso, il Progetto Metano vorrebbe risolvere il duplice quesito, incrementando il numero sia dei mezzi a metano sia dei distributori... Ma gli obiettivi individuati nel 2002, quando è stata avviata l'iniziativa, sono ancora lontani. Nel dicembre 2001 è stato siglato un Accordo di Programma tra il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, FIAT Spa e Unione Petrolifera promosso da una rete di Comuni italiani (inizialmente 21), al fine di dare un forte impulso ad un maggiore impiego del metano per autotrazione nelle grandi aree urbane e metropolitane, per migliorarne le condizioni ambientali, attraverso significativi incentivi economici.[...]

L'articolo completo non è disponibile on-line.
Per maggiori informazioni è possibile contattare la redazione.
Telefono 02 3659 7125 e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo

 

 
© 2005 – 2020 www.nuova-energia.com