Home
Ultimo numero
Archivio
Consiglio editoriale
Abbonamenti
Chi siamo
Editrice Alkes
Comunicazione
Sala stampa
Link
THE SHALE GAS AND THE FUTURE OF NATURAL GAS

Up to the end of Seventies the term unconventional gas defined the presence of natural gas in fields not economically viable. Later it began to be consider conventional gas the one found in vein that produced spontaneously due to the push water below and unconventional gas the one presents in fields where the push water was absent. According to a geological and not economical distribution, the unconventional gas is now divided into four different families characterized by different reservoir rocks...

 
COVER STORY

Moresco: “Molte sfide
da vincere con l’innovazione

Nuova Energia 4 | 2014 - cover story

In Italia tutta la filiera energetica, a partire dai fornitori di tecnologia, sembra vivere una crisi profonda e di difficile soluzione. Eppure, per Danilo Moresco - responsabile Business Unit Power Generation di ABB Italia - non mancano le opportunità. “Molte aree del mondo sono in fermento, non solo i Paesi BRICS. Penso all’Africa, al Medio Oriente, al Sud America. Si tratta di realtà molto interessanti per il nostro Paese proprio perché in Italia ci sono EPC contractor che sviluppano sui mercati esteri la maggior parte del loro business”.
E nello specifico del mercato interno? “In Italia c’è ancora molto da fare in termini di revamping, a partire dal settore idroelettrico. E poi: attività di service, di manutenzione evolutiva, di miglioramento dei parametri di sicurezza, di monitoraggio delle performance, di allungamento della vita utile degli impianti. Altro ambito interessante, quello del mercato secondario del fotovoltaico”.
In questo contesto ricco di opportunità ABB vuole giocare da protagonista. “Affermare semplicemente che crediamo fermamente nel mercato energetico potrebbe essere scontato. Allora, aggiungo che stiamo investendo sempre di più in R&S e nelle nuove tecnologie. E lo stiamo facendo avendo nell’Italia uno dei punti di riferimento a livello planetario”.




La prima dichiarazione e i primi atti di Matteo Renzi lasciano ben sperare in una nuova politica energetica per il nostro Paese.
Nell’affrontare i tanti nodi che il sistema italiano presenta, il presidente del Consiglio non si è dimenticato che l’energia è un fattore importante per la competitività e l’economia del Paese.
Ha quindi annunciato, e poi sta realizzando, due importanti provvedimenti che toccano profondamente il nostro sistema energetico...

 
GLI EDITORIALI DI NUOVA ENERGIA

Caro Matteo,
rottamiamo subito
questi giochetti


Caro Matteo, so bene
che hai imposto a ministri,
vice-ministri, sottosegretari, un corso accelerato di informatica. Peccato che
il power point mal si adatti alla formulazione di testi legislativi
e il risultato, purtroppo si vede.
Mi riferisco, nel decreto competitività, agli articoli taglia-bollette...

Giuseppe Gatti...

Senza coerenza
non c’è credibilità
e crescita


L’Italia non è fuori dal pericolo. Sarebbe bene rendersene conto. Ci sono ancora, per usare l’immagine del Titanic, quelli che suonano sul ponte, quelli di prima classe che agitano banconote per salire sulle scialuppe di salvataggio, quelli di terza classe bloccati dai cancelli incatenati nelle stive.

Carlo Andrea Bollino*



Dico no alle astrusità
ma non sono lo sceriffo di Nottingham!

Il rischio di cadere nei luoghi comuni incombe come un temporale estivo. Ma non si può fare a meno di correrlo. Non si può evitare di dire che “l’Italia è uno strano Paese”. Non soltanto perché governato da regole spesso astruse, generate per risolvere problemi che sono poi rimasti per lo più insoluti, e quindi degenerate ad ostacolo.
Ma soprattutto perché sembra che toccare queste regole costituisca un reato di lesa maestà oppure, a seconda delle convinzioni di ciascuno, una bestemmia. Fare l’elenco di queste regole, spesso antiche e per questo ancora più sbagliate, richiederebbe un volume intero della Treccani...

Chicco Testa*




Sfogliando i giornali di 20 anni fa (e lasciamo al lettore
ogni parallelo eventuale con la situazione odierna)
si percepisce un motivetto sotto traccia: Ma che ce frega,
ma che ce importa
(dell’energia, naturalmente).
Nel concreto: a fine agosto l’Italia finisce al buio. Colossale black out Enel. Paralizzato tutto il Sud. Bloccate per ore in quattro regioni industrie, trasporti, ospedali. Due incidenti lasciano senza elettricità 18 milioni di persone; Black out in mezza Italia. Sud, paralisi di tre ore: treni fermi nelle gallerie. Richiamati in servizio mille vigili del fuoco. Acquedotto in difficoltà a Napoli...

 
VERSO L’ERA DELLO SHALE GAS

Già nel 1821 nella parte occidentale dello Stato di New York esisteva un pozzo di shale gas che raggiunse la profondità di 8 metri, grazie al quale fu possibile illuminare alcune case della cittadina di Fredonia. Da allora la valorizzazione di queste formazioni si diffuse man mano in tutti gli Stati Uniti...

SUL TEMA OIL&GAS POTREBBE INTERESSARTI:
Raffinerie con un pieno di problemi
Gli scenari energetici fanno i conti con lo shale gas
GNL, un’impresa superare le barriere burocratiche




Guardando al futuro della ricerca elettrica, il panorama dei finanziamenti possibili è allettante: in ambito europeo ci sono veramente molti soldi che cercano idee. Scarseggiano invece le idee sulle quali i soldi possano piovere con ragionevoli probabilità...

SUL TEMA INNOVAZIONE POTREBBE INTERESSARTI:
RSE: “Una ricerca che pensa al Sistema Paese”
Giovani con project work d’avanguardia
Gli scenari al 2020 per il settore elettrico in Italia

 
AMBIENTE CHIAMA, BANCA RISPONDE?

Anche le banche, nella loro funzione di intermediazione finanziaria, si trovano di fronte al quesito della sostenibilità ambientale. E questo non solo in relazione alla loro operatività ma anche in relazione alla loro attività di erogazione del credito...

SUL TEMA AMBIENTE POTREBBE INTERESSARTI:
Obama contro le emissioni e molte resistenze
Bionergie nel segno della tecnologia italiana
Cambiamenti climatici: Europa in retromarcia?




Negli ultimi mesi la dose mediatica di notizie e commenti negativi sulla Russia - accusata di espansionismo e di non prendere in considerazione ragioni e paure dell’Occidente - ha superato di parecchio la norma. Tali accuse si basano sul presupposto implicito che l’Occidente abbia ragione...

SUL TEMA GEOPOLITICA POTREBBE INTERESSARTI:
Petrolio in crisi geopolitica
Un mondo di applicazioni per l’HVDC
Gli scenari energetici fanno i conti con lo shale gas

 
Nuova Energia è di proprietà di Editrice Alkes
Via Mameli, 17 - 20129 Milano (MI) - tel 02 36597125 - fax 02 36597124 - p.i. e c.f. 03781420967
© Nuova Energia 2011. Tutti i diritti riservati.