Home
Ultimo numero
Archivio
Consiglio editoriale
Comunicazione
Abbonamenti
La casa Editrice Alkes
2015_cookie_policy.gif
.
 
COVER STORY

Spinaci: “Facciamo muovere l’Italia,
siamo un’industria da valorizzare”

Nuova Energia 4 | 2016 - cover story

È questo il messaggio che Claudio Spinaci, presidente di Unione Petrolifera, affida all’intervista cover del numero 4 di Nuova Energia. “Siamo oggetto di una informazione che non testimonia il nostro impegno; è giunto il momento di chiarire il ruolo strategico della nostra attività rovesciando tanti luoghi comuni”. Pensiamo al fattore ricerca. “La nostra industria è in cima alle classifiche europee per innovazione e ogni anno sforna nuovi brevetti, esportati nel mondo”.
Per non parlare del fisco: “Con oltre 40 miliardi di euro, il nostro è il settore che contribuisce maggiormente alle entrate dello Stato. Siamo un vero e proprio bancomat”.




Il gas torna protagonista
delle politiche geoenergetiche


Su scala mondiale, considerando i parametri della riduzione dei gas climalteranti, della sostenibilità industriale, della diversificazione geopolitica, della sicurezza e del calo dei costi di produzione, la generazione da gas naturale dovrebbe avere un risveglio. Anche se più in termini di capacità installata che di domanda.

 
LE NOSTRE FIRME

Anche la corretta
informazione merita
una maggior tutela


Il provvedimento con cui l’Autorità ha disposto l’aumento dei prezzi dell’energia sul mercato tutelato porta a tre insegnamenti: serve una più corretta informazione, per offrire gli elementi per una consapevole scelta; occorre superare la zonizzazione; bisogna stringere i bulloni sullo sbilanciamento. Cosa che l’AEEGSI...

Giuseppe Gatti...

L’intensità
energetica ha
molte cose da dirci


L’intensità energetica (il rapporto tra consumi finali di energia e valore aggiunto) è considerata internazionalmente come uno dei principali indicatori di efficienza energetica. La sua rilevanza è aumentata negli ultimi anni, in quanto ha la qualità di essere un indicatore di performance ambientale, in relazione diretta con...

Carlo Andrea Bollino*


C’è poca energia in LinkedIn?

Guardiamo il mondo dell’energia attraverso la lente di LinkedIn. Attraverso una rapida analisi, ho verificato la presenza sul social network delle 10 maggiori aziende al mondo per fatturato in ambito energia.
Si tratta soprattutto di aziende che operano in ambito petrolifero. Di queste, tre sono cinesi, quattro europee, le rimanenti americane: 3 continenti rappresentati!

Marcello Laugelli...


 
EFFICIENZA

Quattro passi tra certezze
e luoghi comuni


Tutti sono capaci di risparmiare energia in un’ottica costi quel che costi, pochi sono capaci di farlo in condizioni di vantaggio economico per il committente. In realtà, il risparmio energetico comporta necessariamente esborsi significativi.
Ed è materia per professionisti...



SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Buildings are part of the solutions...
A PowerGen lo storage è la vera star
Batterie al rabarbaro per un accumulo...
La biomassa, davvero una multi-risorsa!





Le nuove dimensioni
della sicurezza energetica


Con la comparsa sulla scena del Medio Oriente dello Stato Islamico la minaccia di tipo politico viene a intrecciarsi con quella energetica in un groviglio molto complesso e pericoloso. In tal senso non ci può essere sicurezza energetica se non in un ampio ambito di cooperazione internazionale...


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Quando le città danno i numeri
Climate change: e se la priorità fosse...
IPCC tra scienza e politica: riflessioni e riflessi

 
E-MOBILITY

Etica e impresa viaggiano
a bordo dello stesso mezzo


Credere nello sviluppo di un modello di mobilità alternativa, rispettosa dell’ambiente e tecnologicamente avanzata, non è solo un dovere morale ma è diventato un vero e proprio modello di business in un mercato in forte e continua evoluzione.
Lo testimoniano dati e analisi...


SU QUESTO TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
La Road Map 2030 e il ruolo di RSE
È nato prima l’uovo o la palina?
La mobilità è pronta a dare la (ri)carica
Bocchiola: “Serve un approccio di sistema





L’Europa del New Deal
e l’Italia del New Peel


Del nuovo indirizzo europeo sembra che in Italia non se ne sia accorto proprio nessuno.
Ci sono invece diversi segnali che il New Deal italico tenda ad assumere le sembianze di un New Peel, nel senso che le tasche dei consumatori vengono sempre più pelate da azioni per lo meno confusette.


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Nuova tariffa: gli effetti sui domestici
Nella ricerca 3 e 8 non sono numeri perfetti
GNL? Ci aiuta a coccolare i clienti
La bolletta ideale deve ancora essere inventata

 
© 2005 – 2016 www.nuova-energia.com