NOVITÀ | RSE DÀ VOCE… ALLE VOCI DELLA BOLLETTA

Mi costi, ma quanto mi costi... Per non limitarsi alle sole lamentele sul caro bolletta, prima di occuparsi del quanto vale la pena partire dal perché. È questo lo spunto che ha animato la realizzazione della monografia Energia elettrica, anatomia dei costi, ultima nata nella collana RSEview.
Lo studio focalizza l’attenzione sulle voci che concorrono alla composizione della fattura energetica. Il volume spinge anche lo sguardo al 2030, considerando gli effetti che gli obiettivi europei avranno sul nostro sistema elettrico e le ricadute positive degli investimenti in R&S. Lo sforzo interpretativo e di analisi ha richiesto ben 176 pagine, a conferma della complessità del tema e dalla serietà dell’approccio.

[clicca sull’immagine per sfogliare le prime pagine della monografia, pdf 185 KB]
[scrivici per ricevere il volume completo Questo indirizzo di e-mail è protetto dal spam bots, deve abilitare Javascript per vederlo ]

 
COVER STORY

Pinto: “Senza dubbio
il 2015 sarà più sfidante”

Nuova Energia 6 | 2014 - cover story

Anno 2014... finalmente è finito! Molti operatori del comparto energy sembrano condividere questa affermazione. Nuova Energia ha incontrato Salvatore Pinto, amministratore delegato e presidente Axpo Italia, per fare il punto della situazione. “Guardando avanti, purtroppo, non vedo per il 2015 alcun segnale di discontinuità rispetto ai trend che hanno contraddistinto il mercato”, esordisce Pinto. La situazione difficile è testimoniata anche dal fatto che molti stranieri che negli anni scorsi sono arrivati in Italia ora sembrano pentirsi della scelta. E Axpo? “Quando abbiamo lanciato il piano industriale per 2.000 MW di capacità avevamo ben altre aspettative. Tuttavia la consociata italiana ha spesso ottenuto risultati oltre le aspettative e tuttora mantiene un trend positivo in termini di fatturato e profitto. Non dimentichiamoci poi di collocare i problemi italiani nell’ambito del contesto europeo”. Dunque, guardando ai prossimi mesi? “Molti altri nodi arriveranno al pettine - prosegue Pinto - e alcune riforme diventeranno improrogabili”. In ultimo, c’è ancora spazio per una sorta di tweet a Renzi: “Il settore energetico può essere la zavorra o il volano per la ripresa. Siamo ancora in tempo per sviluppare la seconda opzione. Ma non per molto”.




GB FerrariLa sicurezza sul lavoro passa prima di tutto dal comportamento delle singole persone; se non ci sono sintonia e coinvolgimento, il tema fa molta fatica a passare.
Lo spirito dei Safety Observation Tour va proprio in questa direzione. L’approccio non è solo “ispettivo”, una sorta di verifica dall’alto e dall’esterno. Vuole soprattutto essere un momento condiviso di incontro, di ascolto, di confronto, di formazione bidirezionale...

 
GLI EDITORIALI DI NUOVA ENERGIA

Balzelli Rai in bolletta? Lasciamo perdere
una volta per tutte


Come la si rigiri l’idea
del canone in bolletta
(o meglio, la tassa in fattura) non solo è sballata, ma sostanzialmente impraticabile e quindi da buttare una volta per tutte. Non è però la proposta in sé che preoccupa. Allarma che da posizioni di Governo si possano sottovalutare in modo così grossolano...

Giuseppe Gatti...

Con questa legge fare impresa diventerà una impresa (impossibile)

Il titolo suona rassicurante: Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali. Chi mai potrebbe dubitare del buon senso di una simile iniziativa?
E, invece, leggendo le 113 pagine del fascicolo del disegno di legge...

Chicco Testa*




Sono due le notizie importanti dello scorso autunno: scadenza del bando per la Ricerca di Sistema e presa di servizio dei (quasi) nuovi docenti. Purtroppo l’unità italiana di misura del tempo con la quale misuriamo le urgenze del Paese ha pochi eguali nel mondo, con vertici di sopravvivenza corporativa che sfiorano il capolavoro di arte contemplativa.
Perché soggiacere all’insana fretta, cattiva consigliera, quando si può stare fermi a rimirare le bellezze dell’italico panorama? Purtroppo queste tempistiche mal si adattano alle esigenze moderne...




20 anni or sono una clamorosa notizia guadagna l’apertura
della pagina Esteri sul Corriere della Sera del 7 dicembre.
L’oro nero di Sua maestà. Un giacimento sotto il castello di Windsor. In Gran Bretagna è già polemica su chi incasserà le royalty mentre si disperano gli ambientalisti. Fantasmi & affini non fanno più notizia, ma 100 milioni
di barili di greggio in cantina sì
...

 
PACCHETTO CLIMA-ENERGIA, L’IMPATTO IN ITALIA

Applicando il modello del sistema energetico nazionale TIMES-Italia, RSE ed Enea hanno effettuato una analisi di impatto sul sistema energetico nazionale del pacchetto 2030, assumendo che all’Italia sia assegnato un obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 del 36 per cento rispetto al 2005.

SUL TEMA GREEN ENERGY POTREBBE INTERESSARTI:
Biomasse e territorio, made in Italy che fa scuola
Sole e vento alla prova del mercato
Rinnovabili ormai prossime alla competitività




Non c’è niente di strano se un’agenzia come IEA, composta dai Paesi più ricchi e più industrializzati del mondo, decide di dedicare grande attenzione ai problemi dell’Africa. Questo, infatti, è un Continente ricco di risorse energetiche e poverissimo di forniture energetiche, con un bisogno disperato di energia “moderna” .

SUL TEMA GEOPOLITICA POTREBBE INTERESSARTI:
Il contro-shock petrolifero apre scenari inediti
Il 2014 chiude con tre grandi novità
→ Obiettivo: ridurre l’intensità energetica

 
ITALIAN ENERGY SYSTEM FROM 1990 TO TODAY

The Italian energy demand has very few possibilities to touch again the levels reached at the beginning of the century. The combined effect of structural changes and the declining trend of energy intensities are paving the way for an energy demand at 2020 around 121 Mtoe...

SUL TEMA ENERGIA E POLITICA POTREBBE INTERESSARTI:
E.ON a famiglie e imprese soluzioni innovative
Sì alle infrastrutture quando sono sostenibili
Domanda di energia 2014 ancora in calo




Tommaso: “È da tempo che mi domando se il tema del cambiamento climatico causato dall’uomo abbia lo status di teoria scientifica. Perché se non lo avesse, sarebbe oltremodo singolare un impegno di risorse così ingenti a livello planetario, per contrastare un fenomeno di cui non si avesse certezza su cause e rimedi...”.

CULTURA DELL’ENERGIA: POTREBBE INTERESSARTI:
All’Origine delle specie c’è l’intelligenza
L’energia tra Storia e futuro
Tullio Regge, il coraggio della Scienza

 
Nuova Energia è di proprietà di Editrice Alkes
Via Mameli, 17 - 20129 Milano (MI) - tel 02 36597125 - fax 02 36597124 - p.i. e c.f. 03781420967
© Nuova Energia 2011. Tutti i diritti riservati.