IL DOSSIER
Vai al sommario del DOSSIER
 
Home
Ultimo numero
Archivio
Consiglio editoriale
Comunicazione
Abbonamenti
La casa Editrice Alkes
banner_codici.gif
2015_cookie_policy.gif
.
 
COVER STORY

Kosisko: “The world is still
hungry for energy”

Nuova Energia 3 | 2016 - cover story

The power generation sector will require investments totaling more than $13 trillion dollars worldwide over the next 20 years, according to the International Energy Agency. Nuova Energia spoke with Kevin Kosisko, managing director of ABB’s global power generation business, to get his views on the current and future prospects of the power sector.
“There are more than 3,200 power plant projects under construction - he said - with a combined investment value of around $980 billion. And the number of announced projects is more than 99,800. Asia will account for about three-quarters of the projected growth in the world’s generating capacity over the next nine years. At least $134 billion of new power generation investments are in the pipeline in the US for the period 2015-2018. Most of these new investments are for natural gas-fired power plants”
“Although renewable generation has increased and reached historical milestones - he added - it is still dwarfed by coal and natural gas. For the 2016-17 period alone, 2,061 coal-fired projects with an expected investment value of $1.1 trillion have already been announced”.
And what bout research? “ABB has always been a pioneer in bringing innovations to life. How many companies with a similar profile spend $2 billion a year on R&D?”




Il “mio” Tecnomasio
è diventato anche nostro


È stato dato alle stampe il volume Il “mio” Tecnomasio, pubblicato da editrice Alkes. L’autore - Carletto Calcia - racconta come nell’arco di vari decenni il Tecnomasio gli abbia offerto l’opportunità di una fortunata carriera.
Ma quella che è sicuramente una storia personale, è ancor prima una storia corale, arricchita da voci e testimonianze di moltissimi colleghi e amici dell’autore...

 
LE NOSTRE FIRME

Quanto è difficile
liberarsi della maggior tutela


Si possono trattare oltre venti milioni di clienti elettrici come fossero altrettanti capi di bestiame di una delle tante mandrie battute all’asta alla Longhorns Fair di Dodge City, Kansas, USA? Oppure, come le anime dei villaggi della Russia zarista (ante 1861), proprietà dei boiardi, che potevano puntarle, come posta, al tavolo da gioco?

Giuseppe Gatti...

La legge Madia
e i procedimenti
del GSE


Si è dedicata molta attenzione alle novità apportate dalla Legge 124/2015, la cosiddetta Legge Madia, ai procedimenti posti in atto dalla pubblica amministrazione.
In particolare, per il GSE, appare di interesse una modifica rilevante in tema di “autotutela”, ossia il potere della PA di tornare sui propri passi una volta emesso un provvedimento.

Francesco Sperandini*


Comunicare l’energia?
Oggi è tutta un’altra story...


Con l’avvio di questa nuova rubrica sarà affrontato un tema molto caldo: quello di come la comunicazione, a maggior ragione se omnicanale, possa supportare una industria del settore energetico, magari una multiutility, nelle proprie attività di business.
Il punto non è il se: l’editoria è per certi versi la forma di comunicazione per eccellenza. Se non fossimo convinti dell’importanza della comunicazione avremmo già chiuso. Piuttosto il come, con quali strumenti, attraverso quali supporti. E qui il discorso si fa più complesso...


Conrad Cancelli...



Caro benzina, bollette, liberalizzazione e politica energetica. È attorno a questi argomenti che si anima il dibattito all’inizio della primavera del 1996

 
COMUNICARE L’ENERGIA

Primo mattone della smart city: l’informazione

“Ci vengono in mente i tablet, essenziali, puliti, tecnologici, gli smart watch brandizzati al fitness. Ma ricordiamoci che le smart city... si edificano partendo dalle fogne. Dopotutto anche questa attività può avere un nome cool: si chiama e-waste”.



SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
L’anno zero della cultura energetica
Università, la maglia nera non passa mai di moda
Nella ricetta italiana manca l’ingrediente dell’etica





Per la golden age of gas
il 2035 è dietro l’angolo


È altamente probabile che entro i prossimi 20 anni si concretizzi il sorpasso del gas naturale nei confronti di petrolio e carbone in termini di incidenza percentuale sul totale della produzione energetica mondiale. Ancora di più, nel 2045 con il 30 per cento sul totale mondiale...


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
I molti prezzi del petrolio e il ritorno ai fondamentali
C’è anche il GNL tra gli ingredienti del tiramisù
Per i porti italiani un futuro riassunto in tre lettere

 
RICERCA

Ecco il miglior “Sistema”
per contare di più


Purtroppo in Italia non riusciamo a capire che il modo migliore per vincere un progetto europeo... è quello di scriverlo in prima persona. Non è una cosa negativa, anzi: vuol solo dire essere presenti fin dalle prime fasi in cui nasce un’idea.



SU QUESTO TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Smart energy? Chi fa ricerca la pensa così
Grazie all’innovazione la green transition...
Viaggio a bordo di un nanomotore





In Germania
a lezione di flessibilità


Se tematiche quali l’introduzione di un mercato intraday continuo verranno discusse dall’Autorità solo a partire dai prossimi mesi, non mancano esempi virtuosi a cui ispirarsi, Germania in primis. Riuscirà il regolatore italiano a fare tesoro di queste esperienze?


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Facciamoci furbi... Un contatore smart non basta
La rivoluzione è in atto e non mancheranno sorprese
Un nuovo ruolo strategico per la distribuzione

 
© 2005 – 2016 www.nuova-energia.com